Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Luisa Roccon, ex compagna del designer scomparso, replica alle accuse

"FAR PASSARE LINO CODATO PER UN INCAPACE MI ADDOLORA"

Assieme al fratello è alla sbarra per circonvenzione d'incapace


CASTELFRANCO VENETO – (gp) “Far passare Lino Codato per un incapace mi addolora”. Parole di Luisa Roccon, l'ex compagna 55enne del designer castellano, scomparso il 3 giugno 2008 per un tumore al cervello, finita alla sbarra con l'accusa di circonvenzione d'incapace assieme al fratello Francesco. Secondo l'accusa i due avrebbero sottratto denaro contante dai conti correnti intestati a Lino Codato per circa un milione di euro e avrebbero anche ceduto partecipazioni aziendali e diritti di royalties del valore di quasi 800mila euro per pochi spiccioli. Una tesi che i due imputati hanno sempre respinto con forza sostenendo che tutte le operazioni finanziarie sono state perfezionate dall’architetto Codato che, secondo la difesa, non è mai stato incapace d’intendere e volere e pertanto non è mai stato vittima di circonvenzione. In risposta alle accusa è arrivata anche la secca replica dell'ex compagna di Lino Codato, che era si era sempre detta restia a rilasciare dichiarazioni. “Leggere a titoli cubitali cose non vere mi fa arrabbiare, pur non togliendomi certo la serenità sull’esito di una causa frutto di rancori e avidità privi di qualsiasi effettiva fondatezza – ha detto Luisa Roccon tramite l'avvocato Scudeller - Come al solito la famiglia Codato non ha perso l’occasione, in assenza di argomenti, di infangarmi e di coinvolgere mio fratello che nulla c’entra e di distorcere la realtà. Sembrerebbe che il processo fosse già finito – continua Luisa Roccon - e che ci fosse una legione di testi pronti solo a confermare il castello di accuse confezionato dalla Procura e condiviso dai figli e dall’ex moglie di Lino Codato. Il processo deve ancora iniziare e sono certa che fin dalle prime testimonianze non potrà che emergere l’assurdità delle accuse e il riconoscimento della totale integrità della figura di Lino Codato, nonché l’assoluta estraneità di una persona che davvero non c’entra nulla, ovvero mio fratello. Mi addolora – conclude la Roccon - vedere i figli di Lino e la sua ex moglie, che comunque hanno ricevuto un’eredità milionaria, barattare la possibilità di avere ancora soldi facendo passare Lino per un’incapace e me per una mantide”.