Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Incarico affidato al geologo dell'Università di Trento Alessandro Gaio

UN SUPER PERITO PER CHIARIRE IL CROLLO DEL GRU IN PROVINCIA

A quasi cinque anni dai fatti non sono chiare le cause dell'incidente


TREVISO – (gp) Dopo tre consulenze di parte la vicenda del crollo della gru sul tetto dell'ex sede della Provincia di Treviso in via Cesare Battisti riparte in pratica dall'inizio. Il giudice Angelo Mascolo, nel processo a carico di Corrado Tiziano, 66enne residente a Cornuda e legale rappresentante dell'omonima ditta costruttrice responsabile dei lavori presso il cantiere di villa Annamaria e il bolognese Francesco Zorzi, 76 anni, progettista della “berlinese”, la struttura in micropali vicina alla gru, ha disposto nuovi accertamenti. A quasi cinque anni dai fatti (era la notte tra il 21 e il 22 maggio 2007) il procedimento penale non ha portato a chiarire cosa in realtà sia davvero successo e se ci siano state responsabilità degli imputati. Le analisi fatte finora non collimano, e a seconda di chi le ha eseguite l'esito punisce o scagiona Tiziano e Zorzi. Il giudice ha così deciso di nominare un perito super partes che avrà il compito di dare una lettura definita della faccenda per giungere a una conclusione, in un senso o nell'altro. L'incarico è stato affidato al docente di gelogia dell'Università di Trento Alessandro Gaio, che avrà sei mesi di tempo per studiare le carte e dare l'ultimo e definitivo parere sulle cause della caduta. Corrado Tiziano, stando alle contestazioni della Procura, avrebbe autorizzato la collocazione della gru su un basamento le cui caratteristiche geologiche e di stabilità non erano state idoneamente accertate. Accertamento che invece, sempre secondo la tesi dell'accusa, avrebbe dovuto essere fatto sia in base alla comune esperienza (la gru era in zona densamente popolata e con molta acqua), sia perché prescritto dal piano di sicurezza e coordinamento che prevedeva appunto di controllare la stabilità della base di appoggio. Corrado avrebbe inoltre autorizzato la collocazione della gru sopra plinti in cemento di superficie sensibilmente inferiori rispetto a quanto prescritto dal manuale d'uso. L'accusa per Francesco Zorzi è invece quella di aver concepito e progettato quale opera di impermeabilizzazione, sostegno e contenimento relativa all'area dello scavo prospicente la gru, una palizzata di micropali (la “berlinese”) che per caratteristiche geologiche dei terreni in cui andava infissa non offriva sufficienti garanzie di impermeabilità, al posto del previsto “diaframma” in cemento armato.