Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra il 63enne di Asolo Bruno Feltracco, denunciato da Gianni Feltracco

PORTA IL FRATELLO IN TRIBUNALE PER MINACCE E DANNEGGIAMENTI

L'imputato avrebbe distrutto il tetto del capannone del fratello


ALTIVOLE – (gp) Fratelli contro. E decidere chi ha ragione spetterà al tribunale di Treviso. Il tutto per un litigio nato a causa di un terreno. Alla sbarra con l'accusa di minacce e danneggiamento è finito Bruno Feltracco, 63enne di Asolo, il quale secondo l'accusa avrebbe più volte (si parla di una ventina) distrutto il tetto del capannone del fratello Gianni con una mazza di ferro per impedire che procedesse con l'ampliamento dello stabile che sorgeva a ridosso della terra di sua proprietà. All'inizio erano soltanto litigate, poi qualche dispetto. Finchè la situazione sarebbe degenerata in atti di vandalismo. Gli episodi contestati risalgono tra il giugno e l'ottobre 2008, periodo in cui il fratello, giunto ormai al limite della sopportazione, aveva deciso di sporgere denuncia. Il giudice, in sede civile, aveva dato il via libera all'ampliamento ma quella decisione, evidentemente, non era piaciuta a Bruno il quale, secondo l'accusa, non avrebbe perso tempo per importunare il fratello Gianni. In varie occasioni infatti l'imputato si sarebbe fatto trovare sul tetto del capannone con in mano la mazza di ferro, non curante della presenza degli operai al lavoro. Senza farsi problemi avrebbe distrutto i listoni e le travature in legno, rivolgendo al fratello anche pesanti minacce. E proprio perchè gli episodi sarebbero stati diversi, gli atti del processo sono stati rispediti al pm perchè venga contestata anche l'aggravante della continuazione, non presente al momento nel capo d'imputazione.