Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra il 63enne di Asolo Bruno Feltracco, denunciato da Gianni Feltracco

PORTA IL FRATELLO IN TRIBUNALE PER MINACCE E DANNEGGIAMENTI

L'imputato avrebbe distrutto il tetto del capannone del fratello


ALTIVOLE – (gp) Fratelli contro. E decidere chi ha ragione spetterà al tribunale di Treviso. Il tutto per un litigio nato a causa di un terreno. Alla sbarra con l'accusa di minacce e danneggiamento è finito Bruno Feltracco, 63enne di Asolo, il quale secondo l'accusa avrebbe più volte (si parla di una ventina) distrutto il tetto del capannone del fratello Gianni con una mazza di ferro per impedire che procedesse con l'ampliamento dello stabile che sorgeva a ridosso della terra di sua proprietà. All'inizio erano soltanto litigate, poi qualche dispetto. Finchè la situazione sarebbe degenerata in atti di vandalismo. Gli episodi contestati risalgono tra il giugno e l'ottobre 2008, periodo in cui il fratello, giunto ormai al limite della sopportazione, aveva deciso di sporgere denuncia. Il giudice, in sede civile, aveva dato il via libera all'ampliamento ma quella decisione, evidentemente, non era piaciuta a Bruno il quale, secondo l'accusa, non avrebbe perso tempo per importunare il fratello Gianni. In varie occasioni infatti l'imputato si sarebbe fatto trovare sul tetto del capannone con in mano la mazza di ferro, non curante della presenza degli operai al lavoro. Senza farsi problemi avrebbe distrutto i listoni e le travature in legno, rivolgendo al fratello anche pesanti minacce. E proprio perchè gli episodi sarebbero stati diversi, gli atti del processo sono stati rispediti al pm perchè venga contestata anche l'aggravante della continuazione, non presente al momento nel capo d'imputazione.