Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Maser, nel mirino l'occhio elettronico della farmacia "Giacomelli"

SRADICA TELECAMERA PER "SCHERZO", PSICOTERAPEUTA NEI GUAI

Professionista 60enne di Caerano denunciato dai carabinieri


MASER - Prima ha salutato verso l'obiettivo della telecamera, poi l'ha sradicata dal muro della farmacia “Giacomelli” di Maser. L'episodio è avvenuto alle 5 del mattino di qualche giorno fa: autore del furto un psicoterapeuta 60enne di Caerano San Marco che è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Cornuda. Già vagamente riconoscibile dalle immagini ritratte dalla telecamera poi rubata, i militari hanno rapidamente identificato il responsabile che è stato notato per strada, vestito esattamente come in occasione del furto: sono stati il logo del cappellino e, soprattutto, i catarinfrangenti del giubbino, ad incastrarlo. Increduli, i militari lo hanno condotto in caserma. L’uomo ha subito confessato, ma non ha chiarito del tutto il perché di quel gesto: “uno scherzo”, ha detto, “infatti -ha aggiunto- l’ho subito dopo buttata nel Brentella”.