Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa rimangono i pasti serviti nella mensa del "Pagani" di Oderzo

INTOSSICAZIONE IN CASA DI RIPOSO: INDAGINI AFFIDATE AL NAS

Analisi scientifiche per spiegare i due decessi e i 42 casi di malore


ODERZO – (gp) Saranno i carabinieri del Nas a far luce su quanto accaduto nella residenza per anziani “Pagani” di Oderzo. Il sostituto procuratore Iuri De Biasi, titolare del fascicolo, ha infatti affidato le indagini al nucleo antisofisticazione dell'Arma per capire quali siano state le cause che hanno portato alla morte del 77enne di Meduna di Livenza Mario Modenese Bellomo e del 65enne di Carbonera Ernesto Brunello, e all'intossicazione alimentare di altri 42 ospiti della casa casa di riposo su 56 totali. Al momento l'ipotesi più accreditata è quella, stando alla relazione inviata alla magistratura dall'Ulss, di una modalità di cottura o di una conservazione dei cibi non accurata che ha permesso a un batterio killer di infettare gli anziani. Si tratterebbe del clostridium perfrigens, dello stesso ceppo del botulino anche se di minor pericolosità, che è stato isolato dall'autopsia nel corpo di una delle due vittime. Le indagini sono mirate a capire come sia arrivato nel cibo destinato ai degenti anche se sotto accusa ci sarebbero già alcune partite di carne. Ma potrebbe trattarsi anche di qualche contorno abbinato alla portata principale. I piatti vengono infatti consegnati sigillati alla casa di riposo, il che escluderebbe un contagio in loco. Le prime ispezioni, però, non hanno evidenziato condizioni igienico-sanitarie fuori norma nel centro cottura che fornisce i pasti alla “Pagani”. E la stessa società, peraltro, serve anche altre quattro comunità, tra cui scuole e lo stesso ospedale opitergino: in queste strutture nessuno ha accusato il benchè minimo sintomo.