Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oltre alla rapina aggravata contestata anche la tentata violenza sessuale

SI FA PIU' GRAVE LA POSIZIONE DEL "TERRORE DELLE LUCCIOLE"

Alla sbarra il 37enne di Trichiana Roberto Dal Magro


TREVISO – (gp) Si aggrava la posizione di Roberto Dal Magro, il 37enne di Trichiana ribattezzato il “terrore delle lucciole”. Il pubblico ministero Iuri De Biasi ha infatti modificato il capo d'imputazione aggiungendo all'accusa di rapina aggravata anche quella di tentata violenza sessuale. Decisione derivata dalla testimonianza resa di fronte ai giudici di una delle lucciole rapinate, una ragazza brasiliana che ha ricostruito il modus operandi dell'imputato. Già, perchè i fatti contestati sono in tutto cinque. Stando a quanto sostenuto dagli inquirenti, Roberto Dal Magro al volante della sua Peugeot 306 avvicinava una lucciola, contrattava una prestazione e poi, giunti in un luogo appartato, le ordinava di spogliarsi puntandole un coltello alla gola e cercando di strangolarla fino a farle perdere i sensi. Poi prendeva la borsetta e gli indumenti intimi lasciando la ragazza nuda sull'asfalto. Al momento dell'arresto, avvenuto nel luglio scorso, i carabinieri trovarono nella sua auto vari indumenti femminili, il coltello, un affilacoltelli e una corda con tanto di cappio. L'uomo, difeso dall'avvocato Fabio Capraro, in sede di interrogatorio aveva chiesto scusa alle vittime e si era dimostrato pentito per quanto commesso, affermando di aver tenuto quei comportamenti in seguito al disagio derivato dalla separazione con la compagna.