Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rabo direct Pro12, Treviso senza nazionali

BENETTON KO CON GLI SCARLETS

Biancoverdi avanti di due mete e poi ko 32-20 in Galles


LLANELLI - Un Benetton limitato a soli ventitre uomini e con scelte obbligate di formazione, con tanto di giocatori fuori ruolo, resiste finchè può nella difficile sfida gallese di Llanelli contro gli Scarlets. Inizio eccezionale dei Leoni che dopo 7’ realizzano già due mete e fanno capire chiaramente di volersela giocare nel migliore dei modi. Simon Picone recupera un pallone da lancio in rimessa laterale ed inventa la giocata all’interno per Ludovico Nitoglia che salta in velocità l’estremo Newton e vola in meta. Cinque minuti più tardi, Thomas prova a calciare dai ventidue, ma viene stoppato da Valerio Bernabò che recupera palla e si tuffa oltre la linea. Willem De Waal fallirà un tentativo difficile di punizione al 21’ così come in precedenza avvenuto a Thomas, ma trasforma comunque i due tentativi post mete ed il punteggio è di 0-14. Venti minuti di buon gioco da parte del Benetton che corre un solo rischio e che deve temere soprattutto il ritmo e la pericolosità del mediano di mischia Davies. Da un calcio di punizione battuto velocemente nasce la palla più pericolosa dei padroni di casa con il centro Warren che buca la difesa ma viene ben placcato da Brendan Williams a pochi passi dalla meta. Meta che arriva inevitabilmente al 30’ per un errore difensivo che consente a Turnbull di trovare l’intervallo giusto. Nel finale, poi, è Manu a sfruttare la potenza degli avanti dopo una mischia ai cinque ed una punizione battuta velocemente da Murphy. Sembra riequilibrata definitivamente la partita con il risultato di 14-14 e con l’atavico vizio biancoverde di subire punti a cavallo tra le due frazioni di gioco. I Leoni però non sono domi e conquistano un nuovo calcio di punizione con un buon avanzamento in maul ben guidato da Franco Sbaraglini. Willem De Waal trasforma una punizione non semplice dalla distanza e si va al riposo in vantaggio di tre punti. La musica cambia nella ripresa, quando i biancoverdi subiscono il ritorno dei dragoni e soffrono all’inizio, senza che i padroni di casa trovino il pareggio solo per la mancanza di precisione al piede di Thomas. Il sorpasso arriva, tuttavia, al 15’ con una buona azione corale dei gallesi che consente a Thomas un passaggio ad altezza perfetta per Newton che sfugge a Brendan Williams e resiste a Simon Picone, realizzando la terza meta dei suoi. Da lì in avanti è partita dura e di inseguimento, soprattutto tra i calciatori. Con Thomas che ne mette due e De Waal uno per il parziale di 27-20 che comunque mantiene vive piccole speranze tra i biancoverdi. Il XV della Marca è grintoso e tutto cuore, ma alla lunga crolla, concedendo anche la meta a Liam Davies nel finale. Il mediano di mischia finta il passaggio e si inserisce tra Augusto Allori ed Enrico Pavanello e trova la meta del bonus e del definitivo 34-20.