Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I due della Fulgor Trevignano sono accusati di lesioni e ingiurie a sfondo razziale

INSULTI RAZZISTI IN CAMPO: DIRIGENTE E GIOCATORE IN AULA

"Torna nella Savana": vittima il 23enne Lamine Mamadou Beye


TREVISO – (gp) Dirigente e calciatore a processo per ingiurie e lesioni aggravate dalla discriminazione razziale. Queste le accuse per cui sono finiti a processo un uomo dello staff e un difensore della Fulgor Trevignano, rei secondo l'accusa di aver il primo attaccato verbalmente con insulti razzisti l'attaccante dell'Olmi San Biagio (ora in forze allo Zenson) Lamine Mamadou Beye, 23 anni, mentre il secondo l'avrebbe addirittura colpito con un pugno in campo. La giovane punta, di origini senegalesi ma da 15 anni in Italia e residente con la famiglia a Ponte di Piave, ha deciso di sporgere denuncia contro i due assistito dall'avvocato Simone Guglielmin. La partita incriminata risale al 9 gennaio del 2011: a metà del secondo tempo l'attaccante dell'Olmi San Biagio fa il suo ingresso in campo. Dopo pochi minuti subisce un brutto fallo da dietro e gli animi in campo si sono scaldati. Il difensore si rivolge a Beye dicendogli “Negro di m... guarda che ti tiro un pugno”. E nel giro di qualche secondo quel destro è arrivato in pieno volto lacerando il labbro inferiore della punta senegalese che, portata in ospedale, è stata giudicata guaribile in 15 giorni. Non è tutto. Dopo il fattaccio la gara è terminata senza ulteriori scontri ma al rientro negli spogliatoi a prendersela con Beye è stato anche il dirigente della Fulgor Trevignano. Rivolgendosi al giocatore avversario ha urlato: “Torna nella Savana, questo non è posto per te”, aggiungendo lo stesso insulto razzista pronunciato in precedenza dal difensore della sua squadra. Ne nacque un litigio sedato soltanto dall'arrivo dei carabinieri. Ora però per il dirigente e il giocatore della Fulgor Trevignano scatterà il processo, già calendarizzato ad aprile.