Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Compiano: "Violazioni dovute solo a superficialità"

"MILLE OCCHI": GUARDIE GIURATE SEGNALERANNO FATTI SOSPETTI

In Prefettura deciso il piano di "sicurezza partecipata"


TREVISO - “Protocollo mille occhi”: così è stata battezzato il progetto di maggiore integrazione della vigilanza privata nella sicurezza del territorio, al via anche nella Marca. L'obiettivo è quello di utilizzare le circa 500 guardie giurate in servizio nel trevigiane in supporto alle forze dell'ordine: i vigilantes, in particolare, potranno rappresentare “sentinelle” sul territorio, segnalando situazioni e persone sospette individuate durante i loro giri di controllo tra abitazioni ed aziende. Il piano per rafforzare la cosiddetta “sicurezza partecipata” è stato messo a punto in un vertice in Prefettura. Prefetto e Questore, ad esempio, puntano ad un più efficiente collegamento tra le centrali operative delle varie società private e quelle di Polizia di Stato, Carabinieri, Polizie locali: oggi, ad esempio, le guardie hanno l'obbligo di fare rapporto la mattina successiva. L'obiettivo è quello di istituire, magari tramite nuove tecnologie informatiche come Skype, un canale di comunicazione in tempo reale tra i vari soggetti impegnati nella tutela dell'ordine pubblico. Ma si pensa anche a contratti con i committenti che prevedono il rispetto del regolamento della Questura, pena la non validità della copertura assicurativa. Premessa indispensabile all'operazione, naturalmente, il rispetto delle normative da parte delle aziende del comparto. Piena disponibilità è stata ribadita anche dai rappresentanti della vigilanza privata. E a proposito delle irregolarità contestate nelle scorse settimana alla North East Service, società specializzata nel trasporto valori, il presidente del gruppo cui la società fa parte, Luigi Compiano, parla di “superficialità”, assicurando la volontà di attuare tutte le prescrizioni poste dalla Questura in materia.