Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Odissea di due coniugi trevigiani per costruire la casa

DA DIECI ANNI IN LOTTA CON IL GEOMETRA

La denuncia "Parcella da 30mila euro per lavori mai fatti"


TREVISO - Una decennale battaglia con chi avrebbe dovuto progettare e realizzare la casa dei loro sogni.  Due pensionati trevigiani, marito e moglie, denunciano l'odissea patita a causa del geometra che doveva seguire il progetto di ristrutturazione della loro villetta, tra San Lazzaro e Frescada a Treviso. Acquistato un rustico da restaurare, nel 2003, Gianna Callegari e Danilo Piotto si sono affidati ad un tecnico consigliato loro dalla Confedilizia, associazione di piccoli proprietari immobiliari. Il professionista, però, secondo la denuncia dei coniugi, ha rallentato apposta l'inizio dei lavori, tanto che due anni dopo la compravendita non era ancora stato posato un mattone. Fino ad obbligare i due ad affidare l'incarico ad un altro geometra, che nel giro di un anno e mezzo ha consegnato la nuova abitazione. Ciò nonostante il primo tecnico ha presentato una parcella da 30mila euro, poi ridimensionata a 13mila in base alla certficazione dello stesso collegio provinciale dei geometri. Non solo: di fronte al rifiuto dei Piotto, l'uomo si è rivolto al Tribunale per ottenere l'immediata riscossione del credito tramite un decreto aggiuntivo. Il magistrato ha poi sospeso l'esecutività del provvedimento, ma solo dopo che ai due coniugi erano stati pignorati i mobili e venduta l'auto. Mentre la causa pende davanti al giudice (prossima udienza nel 2013), la signora non nasconde l'amarezza: “Un altro esempio delle lobby esistenti nel nostro paese. Con chi rifarsela: con la Confedilizia che ci diede il pessimo consiglio, con il furbo geometra o con la giustizia?”.