Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

San Vendemiano, sentenza del tribunale di Treviso passata in giudicato

CONDANNATO PER GUIDA IN STATO DI EBREZZA: 50ENNE IN CARCERE

Operaio magrebino era fuggito in patria, arrestato su ordinanza


SAN VENDEMIANO - Dovrà scontare sei mesi di carcere e costretto a pagare un'ammenda di 3mila euro: una pena dovuta ad una condanna per guida in stato di ebrezza. E' stato arrestato ieri a San Vendemiano dai carabinieri un 50enne marocchino, Mohamed El Adam. L'8 marzo 2009 l'uomo provocò un incidente tamponando una vettura che lo precedeva: nel sangue aveva un tasso alcolemico di 1,6 gr/l. La condanna a suo carico era passata in giudicato a metà dicembre ma lui, sperando di farla franca, era tornato in patria. Il ritorno nel coneglianese risale a qualche settimana fa quando lo straniero, ormai convinto che le acque si fossero calmate, è stato notato dai militari nei pressi della sua abitazione di via Cal Vecchia. Nel pomeriggio di martedì sono scattate per lui le manette e il trasferimento nel carcere di Santa Bona.