Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

San Vendemiano, sentenza del tribunale di Treviso passata in giudicato

CONDANNATO PER GUIDA IN STATO DI EBREZZA: 50ENNE IN CARCERE

Operaio magrebino era fuggito in patria, arrestato su ordinanza


SAN VENDEMIANO - Dovrà scontare sei mesi di carcere e costretto a pagare un'ammenda di 3mila euro: una pena dovuta ad una condanna per guida in stato di ebrezza. E' stato arrestato ieri a San Vendemiano dai carabinieri un 50enne marocchino, Mohamed El Adam. L'8 marzo 2009 l'uomo provocò un incidente tamponando una vettura che lo precedeva: nel sangue aveva un tasso alcolemico di 1,6 gr/l. La condanna a suo carico era passata in giudicato a metà dicembre ma lui, sperando di farla franca, era tornato in patria. Il ritorno nel coneglianese risale a qualche settimana fa quando lo straniero, ormai convinto che le acque si fossero calmate, è stato notato dai militari nei pressi della sua abitazione di via Cal Vecchia. Nel pomeriggio di martedì sono scattate per lui le manette e il trasferimento nel carcere di Santa Bona.