Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex olimpionico è preparatore atletico del Genova Internazional School of Soccer.

BEN JOHNSON A LANCENIGO: "ORA MI DEDICO AL CALCIO"

Ha allenato anche i figli di Maradona e Gheddafi


TREVISO - Ben Johnson a Treviso. Il campione olimpico a Seul e recordman nell'88 dei 100 metri con 9"79 (poi squalificato per doping) è stato a Lancenigo a presenziare all'amichevole che il Genova International School of Soccer, di cui è preparatore atletico, ha sostenuto con il Calcio Treviso (hanno vinto i biancocelesti 2-0 su una formazione sud coreana). "Cerco di mettere a frutto la mia esperienza, soprattutto a livello mentale: il calcio al 90% è una questione psicologica, come ogni sport. Sono sempre stato appassionato di soccer, è stato il mio primo amore; certo, poi ho intrapreso una strada diversa, quella dell’atletica leggera, ma il calcio tuttora mi piace molto. A suo tempo ho seguito da vicino anche i figli di Maradona e di Gheddafi, Saadi, quando ero a Toronto". Conosci qualcosa del calcio italiano e internazionale? "Beh, quello italiano è certamente uno dei migliori al mondo e so che ha tanti tifosi, anche sparsi all’estero: mi ricordo soprattutto il titolo mondiale che vinse nel 1982. Credo che la nazione più forte in assoluto sia il Brasile però presto molta attenzione anche alle squadre africane, che negli ultimi anni hanno fatto progressi interessanti."