Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex olimpionico è preparatore atletico del Genova Internazional School of Soccer.

BEN JOHNSON A LANCENIGO: "ORA MI DEDICO AL CALCIO"

Ha allenato anche i figli di Maradona e Gheddafi


TREVISO - Ben Johnson a Treviso. Il campione olimpico a Seul e recordman nell'88 dei 100 metri con 9"79 (poi squalificato per doping) è stato a Lancenigo a presenziare all'amichevole che il Genova International School of Soccer, di cui è preparatore atletico, ha sostenuto con il Calcio Treviso (hanno vinto i biancocelesti 2-0 su una formazione sud coreana). "Cerco di mettere a frutto la mia esperienza, soprattutto a livello mentale: il calcio al 90% è una questione psicologica, come ogni sport. Sono sempre stato appassionato di soccer, è stato il mio primo amore; certo, poi ho intrapreso una strada diversa, quella dell’atletica leggera, ma il calcio tuttora mi piace molto. A suo tempo ho seguito da vicino anche i figli di Maradona e di Gheddafi, Saadi, quando ero a Toronto". Conosci qualcosa del calcio italiano e internazionale? "Beh, quello italiano è certamente uno dei migliori al mondo e so che ha tanti tifosi, anche sparsi all’estero: mi ricordo soprattutto il titolo mondiale che vinse nel 1982. Credo che la nazione più forte in assoluto sia il Brasile però presto molta attenzione anche alle squadre africane, che negli ultimi anni hanno fatto progressi interessanti."