Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente: "Siamo in sofferenza, a rischio soci e dipendenti"

LATTERIA DI SOLIGO: "AVANZIAMO 5 MILIONI E MEZZO DALLO STATO"

La coop attende da un anno e mezzo i rimborsi Iva


PIEVE DI SOLIGO - Quasi 5 milioni e mezzo di euro: tanto avanza dallo Stato la Latteria di Soligo, principale cooperativa del settore lattiero caserario della Marca. Sommando anche le Latterie vincentine e la Centrale del latte di Vicenza, il debito complessivo dell'Erario ammonta, secondo i calcoli delle stesse aziende, ad oltre 14 milioni. Si tratta di rimborsi Iva non più corrisposti dal terzo trimestre del 2010. Cooperative e aziende che operano nel comparto, infatti, acquistano il latte dal produttore con l'Iva al 10%, acquistano i beni di consumo (carta, confezioni...) con l'Iva al 21% e rivendono il prodotto finito con l'Iva al 4%. Ill differenziale viene colmato per una parte attraverso la compensazione che prevede però un tetto massimo di 516.000 euro l'anno, cifra insufficiente per realtà grandi come appunto la Latteria di Soligo. Con conseguenti seri problemi di liquidità. "Stiamo soffrendo amaramente - ha spiegato Lorenzo Brugnera, presidente della Latteria di Soligo - Se l'Italia vuole mettere in difficoltà le aziende produttrici di base dell'agricoltura territoriale ci sta riuscendo, poi però è inutile riempirsi la bocca con il tanto decantato Made in Italy. Noi vogliamo investire nella ricerca, competere e garantire un futuro a questo settore nei mercati, ma abbiamo bisogno che i patti vengano rispettati. Oggi ci troviamo a dover chiedere prestiti alle banche perché lo Stato non ci da soldi per 14 milioni di crediti accertati dall'Agenzia delle Entrate". In questa situazione, peraltro, si troverebbero solo le provincie di Treviso e Vicenza, mentre per altre zone come Belluno e Mantova l'arretrato sarebbe stato già rimborsato. La Latteria di Soligo conta 250 soci e 200 tra dipendenti e distributori: lavora quasi duemila quintali di latte al giorno con un fatturato di 60 milioni di euro all'anno.