Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannati per rapina il 24enne Manuel Palazzo e la 45enne Antonella Badoer

PRIMA LO HANNO DROGATO E POI DERUBATO: TRE ANNI A TESTA

Presero due tv dalla casa di un amico, "sbronzo" di benzodiazepina


MONTEBELLUNA – (gp) Secondo loro si trattava soltanto di uno scherzo. Ma la vittima non era stata dello stesso avviso tanto da trascinarli in tribunale per rispondere dell'accusa di rapina aggravata. Nonostante i tentativi della difesa di riqualificare il fatto, il collegio dei giudici del tribunale di Treviso ha inflitto a Manuel Palazzo, 24enne originario di Asolo ma residente a Montebelluna, così come la 45enne Antonella Badoer, una pena di tre anni di reclusione e una multa di 600 euro. I fatti risalgono al 3 aprile del 2008. I due dovevano trovarsi a fare quattro chiacchiere e bere una birra con un amico, ma la serata per un giovane di Nervesa della Battaglia si era poi rivelata una trappola. Stando a quanto sostenuto dall'accusa (e confermato dalla sentenza di condanna) il giovane è stato prima drogato e poi derubato in casa sua. Gli artefici del furto, secondo le contestazioni degli inquirenti, presentatisi a casa dell'amico avevano probabilmente già pianificato tutto. Nelle birre bevute dallo sventurato i due avevano infatti versato della benzodiazepina, un sedativo che aggiunto all'alcol ha praticamente addormentato l'uomo. Gli imputati in seguito, approfittando della situazione e agendo in pratica indisturbati, avevano rubato due televisori dall'abitazione della vittima ed erano fuggiti. Una volta sveglio il giovane aveva capito cos'era successo e li aveva denunciati entrambi mettendo le forze dell'ordine sulle loro tracce. A distanza di quasi quattro anni dai fatti è arrivata anche la sentenza di condanna.