Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Presidio davanti al colosso dei tosaerba Ggp, unico committente della ditta

GIÙ GLI ORDINI, IL TERZISTA LICENZIA TUTTI GLI OPERAI

Da venerdì a casa i 12 dipendenti della Roda


CASTELFRANCO -  Calano gli ordini, il terzista licenzia gli operai. I dipendenti della Roda group di Santa Lucia di Piave hanno dato vita oggi ad un presidio davanti alla Ggp di Castelfranco, uno dei principali produttori di macchinari per giardinaggio: la Roda, di Santa Lucia di Piave, realizza decespugliatori e rasaerba proprio per conto del gruppo castellano. Anzi, Ggp è di fatto dell'unico committente della ditta. Dopo un picco tra la fine dell'2011 e l'inizio del 2012, gli ordinativi sono crollati: secondo i vertici di Roda il volume è diventato troppo basso per continuare a mantenere l'attività. Così l'azienda ha avviato le procedure di licenziamento per tutti e dodici gli addetti: venerdì prossimo, salvo interventi in extremis, i lavoratori resteranno a casa: si tratta in maggioranza di donne, alcune anche al di sopra dei 50 anni, e anche qualche straniero. Molti di loro lavorano nella ditta da più di dieci anni. Non godranno neppure di ammortizzatori sociali, dato che la cassa integrazione ordinaria non è prevista in caso di chiusura e l'azienda è al di sotto della quota di dipendenti per la cig straordinaria. Lavoratori e sindacalisti hanno messo in atto il sit-in di fronte alla Ggp – spiega Loris Scarpa della Fiom Cgil – proprio per richiamare l'industria committente alle proprie responsabilità: molte delle lavorazioni oggi effettuate dalla Roda dall'anno prossimo dovrebbero essere trasferite in Estremo Oriente.