Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La GdF denuncia i titolari della "Zaccariotto" di Gaiarine e della "Jesse" di Francenico

EVASIONE DA 100 MILIONI DI EURO: NEI GUAI DUE SOCIETA' DEL MOBILE

Nei caveau segreti era nascosta la vera contabilità aziendale


TREVISO - La Guardia di finanza ha scoperto due società del settore del mobile la "Zaccariotto cucine" di Gaiarine di Mario Zaccariotto, con sede in via Salvatoizza e la "Jesse" di Francenigo di Alessandro, Paola e Francesca Jesse con sede in via Sacile che, tra il 2004 e il 2011, avrebbero evaso oltre 100 milioni di euro di guadagni non dichiarati e Iva per 32 milioni di euro, impiegando irregolarmente 434 lavoratori, di cui 13 in nero. Quando le fiamme gialle hanno iniziato le verifiche fiscali presso le aziende hanno notato, in un caso, un cavo elettrico che fuoriusciva dal muro vicino ad un appendiabiti e, nell'altro caso, un altro appendiabiti attaccato al muro in una posizione strana. Insospettiti, i finanzieri hanno scoperto che i due accessori nascondevano, in realtà, le porte di accesso ai vani - una sorta di caveau - in cui era tenuta la vera contabilità delle aziende; in un caso un telecomando faceva scattare una serratura elettromagnetica per l'apertura dell'attaccapanni, che nascondeva una vera e propria stanza, nell'altro caso la chiave di apertura era camuffata dal pomello dell'attaccapanni. Dopo la ricostruzione del reddito reale delle due imprese, è scattata la denuncia dei due rappresentanti legali per dichiarazione fraudolenta. Ai due manager è arrivato anche il sequestro di beni per oltre 13 milioni di euro, corrispondenti alle quote societarie possedute e a svariati immobili in Veneto, sui cui lo Stato potrà rifarsi delle imposte evase. La famiglia Jesse è molto nota anche nel pordenonese, dove vivono i fratelli, nipoti del fondatore Francesco, oggi alla guida della azienda: Alessandro Jesse, in particolare, è vicepresidente del gruppo legno di Unindustria Treviso (carica meramente formale ribadiscono dall'associazione), oltre ad essere nel cda di Sum, il consorzio dell'associazione per l'acquisto di energia e ad essere stato consigliere della stessa Unindustria tra il 2006 e il 2009.


Galleria fotograficaGalleria fotografica