Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Zigoni (Federlegno): "Agli imprenditori come Jesse un monumento"

"NON CRIMINALIZZIAMO TUTTA LA CLASSE IMPRENDITORIALE"

Alessandro Vardanega ribadisce la condanna all'evasione


TREVISO - “Giusto perseguire i casi singoli, ma non criminalizziamo la classe imprenditoriale”. Alessandro Vardanega, presidente di Unindustria Treviso, ribadisce la ferma condanna dell'evasione e l'apprezzamento del lavoro della Guardia di Finanza, ma invita a non spettacolarizzare i controlli e, soprattutto, ad evitare che alcuni comportamenti illeciti vengano scambiati per un sistema diffuso, mentre la stragrande maggioranza degli imprenditori rispetta leggi e normative. All'associazione industriali attendono di conoscere i dettagli del caso e, prima di prendere qualsiasi provvedimento contro le imprese associate, aspettano che le indagine e l'iter processuale facciano il proprio corso. Anche Antonio Zigoni, presidente di Federlegno per il Triveneto, pur censurando comportamenti illeciti, invita ad utilizzare nei controlli il buon senso "del padre di famiglia che richiama il figlio che sbaglia, ma ne riconosce l'impegno". E soprattutto chiede rispetto per gli imprenditori: "Agli Jesse - ribadisce citando la famiglia titolare di una delle due aziende coinvolte - a Francenigo dovrebbero fare un monumento: tutti i dipendenti si sono comprati la casa lavorando nella loro azienda. Non sono loro i criminali".

Ecco ai nostri microfoni, il primo commento di Alessandro Vardanega, leader degli industriali trevigiani, e di Antonio Zigoni, presidente triveneto di Federlegno.