Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il giovane è stato denunciato, ora si indaga su eventuali "omissioni" dei prof

MINACCIA CON IL COLTELLO IL "RIVALE IN AMORE": BULLO NEI GUAI

Senegalese di 14 anni terrorizzava due coetanei italiani


CASTELFRANCO - Respinto da una coetanea italiana è arrivato a minacciare con un coltello da cucina, fuori da scuola, un amico del fidanzato. L'inquietante episodio è avvenuto lo scorso 2 marzo in una scuola media della castellana. Le vittime delle minacce hanno raccontato tutto ai genitori che hanno poi denunciato il fatto ai carabinieri. A finire nei guai un 14enne senegalese che è stato deferito alla Procura per i minori ed è stato sospeso dall'istituto scolastico per 15 giorni. Il “bullo”, prima di armarsi e tentare di aggredire il rivale, aveva fatto vivere nel terrore il suo “rivale in amore”: minacce, insulti e pure aggressioni vere e proprie per avere le attenzioni di quella ragazzina di cui si era invaghito. I militari indagheranno ora anche per verificare le eventuali omissioni degli insegnanti: qualcuno dei ragazzi interpellati dagli investigatori avrebbe infatti riferito che qualche docente avrebbe visto o saputo quello che stava accadendo nel plesso ma non avrebbe mai denunciato o segnalato il fatto alle forze dell'ordine.