Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Lo Sceriffo non molla: "Io? Una cosa sono i politici, un'altra gli amministratori"

"LEGA ARRUGGINITA, SERVIVA UN RINNOVAMENTO"

Gentilini "benedice" la nuova segreteria provinciale


TREVISO - E' stato tra i primi a complimentarsi con il neo segretario Giorgio Granello. Ora, all'indomani del congresso provinciale, Giancarlo Gentilini ribadisce la sua benedizione al rinnovamento in seno alla Lega trevigiana. “Dopo il fallimento dei tre anni del governo romano, la Lega si stava arrugginendo”, tuona lo Sceriffo. Che ribadisce la necessità di un cambiamento anche ai vertici nazionali: “Bossi ha creato la Lega, ma ora deve fare il padre nobile”. Il vicesindaco, invece, non invita a rivoluzioni a livello regionale: “Gobbo è un tessitore, deve restare”, né ritiene che l'esigenza di novità si applichi a sé stesso: “Una cosa sono i politici – argomenta -, un'altra gli amministratori”. Tra i dieci eletti (oltre ai segretari di sezione, componenti di diritto) nel direttivo provinciale, siederà anche Sandro Zampese. Il capogruppo in consiglio comunale replica a chi lo criticava per non aver raccolto neppure i voti degli iscritti della sezione di Treviso. Tabelle con i numeri alla mano, Zampese spiega di aver ottenuto oltre l'80% dei consensi e invita i sostenitori del candidato perdente ad accettare la sconfitta.