Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ha patteggiato la pena un 71enne trevigiano alla sbarra per abusi sessuali su minore

VIOLENZE SULLA FIGLIA AVUTA IN AFFIDO: DUE ANNI DI CARCERE

Diversi gli episodi contestati all'uomo che ha sempre respinto le accuse


TREVISO – (gp) Violenza sessuale sulla figlia avuta in affidamento. Questa l'accusa per cui era chiamato a rispondere un 71enne trevigiano il quale, comparso davanti al collegio dei giudici del tribunale di Treviso, ha patteggiato due anni di reclusione ottenendo la sospensione condizionale della pena. Secondo le contestazioni della Procura l'uomo avrebbe toccato la ragazzina alle parti intime, avrebbe cercato di baciarla e, spingendosi oltre, avrebbe anche cercato di avere con lei un rapporto sessuale. I fatti contestati risalivano al 2010 e si sarebbero verificati sempre all'interno delle mura domestiche dell'ex ragioniere. Un uomo senza macchia, tanto che i Servizi Sociali dell'Usl 9 lo avevano individuato come idoneo a provvedere alla minore che gli era stata data in affidamento. La piccola, quando arrivò nella sua nuova casa, aveva appena tre anni. Tutto sembrava andare per il verso giusto ma quando la giovane cominciò a diventare donna iniziarono anche le attenzioni del padre affidatario. A 16 anni la ragazza si vide avanzare strane proposte, sfociate in un'occasione anche in violenza. La stessa che denunciò alle autorità dicendo che il padre le aveva infilato una mano sotto la gonna cercando di accarezzarla nelle parti intime. Ma i casi di approccio erano stati altri: stando alla denuncia in un caso avrebbe tentato di baciarla in bocca, in un altro l'avrebbe raggiunta in camera aprendole le gambe pretendendo un rapporto sessuale. Accuse che l'uomo ha sempre respinto con forza ma che alla fine, ammettendo in parte alcune circostanze, lo hanno portato a dirsi colpevole e a patteggiare la pena.