Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arancia meccanica a Crespano del Grappa, violenze per un bottino di 400 euro

BABY GANG RAPINA ANZIANO PER GIOCARE AI VIDEOPOKER

Denunciati quattro giovani tunisini, hanno aggredito al parco un 87enne


CRESPANO DEL GRAPPA - (nc) Una baby gang spietata, senza scrupoli che non si è fermata neppure di fronte ad un uomo di 87 anni, debole e solo, ospite in una casa di riposo di Crespano del Grappa che è stato brutalmente rapinato di quanto aveva in tasca, circa 400 euro. Con quel denaro quattro giovani tunisini, due 20enni, un 17enne ed un 16enne hanno passato il pomeriggio in due bar della zona a giocare ai videopoker, ad acquistare sigarette e mangiare pizzette. Tutti i componenti della banda sono stati denunciati alla Procura e alla Procura per i minori. Quando, grazie alle telecamere, i carabinieri hanno identificato e convocato in caserma gli autori della rapina questi non hanno mostrato ne' di essere pentiti, ne' tanto meno di voler risarcire l'anziano che ha riportato 10 giorni di prognosi per le botte ricevute. L'episodio risale al pomeriggio di domenica 25 marzo, in un parco a due passi dalla residenza per anziani “Francesco Aita” dove l'87enne amava trascorrere i pomeriggi, seduto su una panchina. I quattro balordi hanno accerchiato l'anziano, gli hanno rubato il cappello ed hanno cominciato a schernirlo, costringendo ad alzarsi. Poi la violenza: due dei giovani malviventi hanno picchiato a pugni e quindi bloccato l'uomo, gli altri hanno preso il portafogli del malcapitato, hanno sfilato il denaro e sono poi scappati. Grazie alle testimonianze e alle telecamere i quattro sono stati incastrati. L'anziano aveva in tasca quella somma perché, qualche giorno prima, aveva venduto la sua Vespa: avrebbe reinvestito quel denaro per acquistare un mobile da posizionare nella sua camera.