Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Critico il comitato anti-ampliamento: "Relazione lacunosa e in ritardo"

IL CANOVA VOLA VERSO I SEI MILIONI DI PASSEGGERI ALL'ANNO

Presentata la Via: i viaggitori potrebbero triplicare


TREVISO - I voli all'aeroporto di Treviso potrebbero aumentare fino a triplicare rispetto ai livelli attuali, sfiorando i sei milioni di passeggeri all'anno. Il dato - secondo la stima più generosa  - è contenuto nella documentazione per la richiesta della Valutazione di impatto ambientale e per lo Studio di impatto ambientale, elaborati da AerTre - Save, la società che gestisce il Canova. La Via riguarda il programma di sviluppo dello scalo della Marca per i prossimi 40 anni, il cosiddetto master plan: dopo essere stato depositato al ministero il 9 marzo scorso, il materiale è stato illustrato in un'assemblea pubblica. E proprio sulle date si basa la prima censura da parte del comitato contro l'ampliamento dell'aeroporto: la divulgazione deve avvenire entro venti giorni dalla consegna al ministero. "All'assemblea poi è stata data pochissima pubbliciatà - rincara Dante Faraoni, referente del comitato -, tanto che era presente una ventina di persone: nessun cittadino, solo rappresentanti dei Comuni interessati, della Provincia o di altre istituzioni ". Secondo i contrari, la documentazione sarebbe lacunosa su vari punti, dagli interventi sulla viabilità alla rilevazione delle emissioni in atmosfera, per far fronte all'incremento di traffico. "E la stessa società di gestione ha basato la sua relazione sulle condizioni dell'aeroporto prima dei lavori della scorsa estate - attacca Faraoni -. Il che dimostra come avessimo ragione noi: per quei lavori era necessaria la Via, tanto che ora la chiedono a posteriori".