Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Paese: in cella dal 2003 al 2011 per traffico internazionale, ora faceva il muratore

BOSS DELLA COCA ARRESTATO, ERA UN SORVEGLIATO SPECIALE

Andrea Palazzo, 47enne svizzero, si serviva di "depositi" segreti


PAESE - Nel 2000 era stato condannato per traffico internazionale di droga e dopo una latitanza passata all'esterno, nel Balcani in particolare, è finito in carcere nel 2003 quando il Ros dei carabinieri riuscì a catturarlo. Andrea Palazzo, 47enne di origini svizzere e residente a Paese era un vero e proprio boss dello smercio di cocaina. Neppure la prigionia ha fatto perdere all'uomo le antiche abitudini: quando nel 2011 venne concessa la libertà vigilata, lui aveva già ripreso a trafficare droga, un “lavoro” (redditizio: nella sua abitazione sono stati trovati 6mila euro) da affiancare a quello ufficiale di muratore per una ditta della zona. Nonostante la sua furbizia i carabinieri di Paese sono riusciti a mettergli ancora una volta le manette ai polsi: il 42enne è stato sorpreso mentre si stava rifornendo con un involucro da 100 grammi di cocaina da uno dei suoi “nascondigli segreti”, in un terreno di Paese. “Ma come avete fatto?”: con queste parole ha reagito il 47enne quando è stato bloccato dai militari. L'uomo, in base all'indagine dei carabinieri di Paese, era molto scaltro e prendeva mille precauzioni per non finire di nuovo nella rete delle forze dell'ordine: aveva depositi di droga nella zona del Montello e non solo, le sim per telefonare ai clienti venivano utilizzate una sola volta e poi gettate e faceva molta attenzione ad eventuali pedinamenti in auto.