Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Paese: in cella dal 2003 al 2011 per traffico internazionale, ora faceva il muratore

BOSS DELLA COCA ARRESTATO, ERA UN SORVEGLIATO SPECIALE

Andrea Palazzo, 47enne svizzero, si serviva di "depositi" segreti


PAESE - Nel 2000 era stato condannato per traffico internazionale di droga e dopo una latitanza passata all'esterno, nel Balcani in particolare, è finito in carcere nel 2003 quando il Ros dei carabinieri riuscì a catturarlo. Andrea Palazzo, 47enne di origini svizzere e residente a Paese era un vero e proprio boss dello smercio di cocaina. Neppure la prigionia ha fatto perdere all'uomo le antiche abitudini: quando nel 2011 venne concessa la libertà vigilata, lui aveva già ripreso a trafficare droga, un “lavoro” (redditizio: nella sua abitazione sono stati trovati 6mila euro) da affiancare a quello ufficiale di muratore per una ditta della zona. Nonostante la sua furbizia i carabinieri di Paese sono riusciti a mettergli ancora una volta le manette ai polsi: il 42enne è stato sorpreso mentre si stava rifornendo con un involucro da 100 grammi di cocaina da uno dei suoi “nascondigli segreti”, in un terreno di Paese. “Ma come avete fatto?”: con queste parole ha reagito il 47enne quando è stato bloccato dai militari. L'uomo, in base all'indagine dei carabinieri di Paese, era molto scaltro e prendeva mille precauzioni per non finire di nuovo nella rete delle forze dell'ordine: aveva depositi di droga nella zona del Montello e non solo, le sim per telefonare ai clienti venivano utilizzate una sola volta e poi gettate e faceva molta attenzione ad eventuali pedinamenti in auto.