Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula parla l'allora 14enne: si aggrava la posizione di Alberto Michieletto

"MI FACEVO PAGARE TRA I 50 E I 100 EURO PER FARE SESSO CON LUI"

L'ex guardia giurata 52enne di Loria accusato di prostituzione minorile


VENEZIA – (gp) “Si è vero, venivo pagata per fare sesso”. Una testimonianza choc quella della presunta vittima di A.M., l'ex guardia giurata 52enne di Loria, finito a processo per rispondere del reato di prostituzione minorile. La ragazza, ora 18enne ma all'epoca dei fatti di anni ne aveva soltanto 14, ha raccontato alla corte come ha conosciuto l'imputato, ricostruendo i primi incontri al bar e poi quelli più intimi, fino ai rapporti sessuali a pagamento su richiesta, secondo la vittima, dell'uomo. Racconti dettagliati che hanno aggiunto nuovi episodi a quelli noti alla procura veneziana, che hanno di fatto aggravato la posizione dell'ex guardia giurata, che in caso di condanna rischia una pena tra i 6 e i 12 anni di reclusione. Dopo la giovane ragazza è toccato ai suoi genitori rispondere alle domande di accusa e difesa: entrambi hanno riferito che erano venuti a conoscenza della vicenda dalla figlia, che dopo due anni di incontri a luci rosse aveva fatto le prime ammissioni non sapendo giustificare da dove prendeva quel denaro che le permetteva di comprarsi quello che voleva. Sono stati loro, una volta scoperta la verità, a sporgere denuncia e a dare avvio alle indagini. L'adolescente aveva rivelato che faceva sesso con quell'uomo di Loria, facendosi pagare tra i 50 e i 100 euro a prestazione. I primi incontri sarebbero iniziati nel 2007, dopo che i due si erano incontrati in un bar di Loria. Prima le chiacchiere, poi una bevuta assieme e infine l'invio di qualche foto e l'inizio delle proposte più hard per arrivare a rapporti sessuali costanti che si sono protratti nel tempo. Il processo è stato rinviato al prossimo 30 maggio quando verrà effettuato l'esame dell'imputato che fin dall'inizio delle indagini ha sempre respinto con forza le accuse negando di aver mai pagato la giovane per fare sesso.