Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In 22 panifici filoni fatti solo con farine locali

PANE A CHILOMETRO ZERO CONTRO PANINI D'IMPORTAZIONE

Allarme dei panificatori: "Pagnotte prodotte all'estero e surgelate"


TREVISO - Pane a chilometri zero contro l'invasione di pagnotte provenienti dall'estero. Il gruppo panificatori di Treviso ha avviato un progetto per infornare e vendere pane cento per cento trevigiano: le farine, grazie alla collaborazione con il Molino Rachello di Musestre di Roncade, arrivano tutte da frumento coltivato nel raggio di una trentina di chilometri al massimo dal mulino stesso, Solo con l'aggiunta di lievito, acqua e sale, secondo una ricetta tradizionale ed uno specifico disciplinare, verranno ricavati dei pani casarecci, posti in vendita tra i 3,20 e i 3,60 euro al chilo. Finora sono ventidue i panifici aderenti in tutta la Marca, riconoscibili da una particolare targa: in Camera di commercio, la cerimonia ufficiale di consegna ai partecipanti. Un'iniziativa, spiegano i promotori, nata anche per fronteggiare l'aumento di pane proveniente dall'estero, precotto e surgelato e poi destinato alla grande distribuzione, ma anche a ristorazione, scuole, mense aziendali. Come ricorda il presidente dei circa duecento soci del gruppo panificatori trevigiani, Maurizio Porato.