Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'incontro nel parcheggio di un hotel

BOSSI: "ZAIA SEGRETARIO FEDERALE? PERCHÈ NO"

Quasi 300 militanti al comizio del Senatùr a Conegliano


CONEGLIANO - Si sono ritrovati in meno di 300 per ascoltare le parole di Umberto Bossi a Conegliano. Niente sala della locale sezione del Carroccio, come annunciato, né una piazza: alla fine il Senatùr ha tenuto il suo comizio nel parcheggio dell'hotel Eurorest, lungo la Pontebbana. Nessuna contestazione, solo applausi per il fondatore della Lega dai fedelissimi accorsi ad ascoltarlo. Al suo fianco, presenti il segretario regionale Gian Paolo Gobbo, il senatore Guido Dussin, uno degli organizzatori dell'incontro, il capogruppo alla Camera Gian Paolo Dozzo, il governatore del Veneto Luca Zaia, il capogruppo in Regione Federico Caner. Bossi benedice Zaia: “Potrebbe essere il prossimo segretario federale? Perchè no. Il Veneto non ne ha mai avuto uno”, ribadisce, nonostante il diretto interessato continui a chiamarsi fuori. Il fondatore della Lega sottolinea: “In questo momento di difficoltà, fa piacere trovarsi tra amici”. Il Senatùr parla dello scandalo sui rimborsi elettorali: "Non posso ritirarmi, altrimenti accuserebbero altri di quanto accaduto". Non cita esplicitamente il tesoriere Belsito, ma è chiaro il riferimentoi quando dice “Hanno infilltrato nella Lega un uomo legato alla mafia calabrese”, rilanciando la teoria del complotto. E assicura che il movimento sopravviverà: “Non siamo il Partito socialista, che aveva rubato e preso le tangenti”.