Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo Celestino Piasente, guardia carceraria in servizio a Santa Bona

OFFENDE E MINACCIA MOGLIE E FIGLIO: SECONDINO IN AULA

I testi dell'accusa, sentiti dal giudice, inchiodano l'imputato


TREVISO – (gp) Maltrattamenti in famiglia. Questa l'accusa che ha portato davanti al giudice Celestino Piasente, agente di polizia penitenziaria in servizio presso il carcere trevigiano di Santa Bona. In aula hanno sfilato i testi dell'accusa che incastrano l'uomo reo, secondo la procura di Treviso che ha raccolto la denuncia della moglie, di essersi reso protagonista di intimidazioni e violenze verbali, oltre a offese indirette al figlio della donna, avuto da una relazione precedente. Nessuna violenza fisica, “se non in rarissimi casi”, come ha dichiarato l'avvocato Stefano Pietrobon, il legale della donna costituitasi parte civile al processo. Secondo l’accusa, inoltre, in un’occasione la guardia carceraria avrebbe anche puntato la pistola d’ordinanza contro la moglie, tanto da portare alla revoca dell’uso della stessa arma. In aula il fratello della vittima ha raccontato al giudice i continui maltrattamenti subiti dalla moglie, ricostruendo gli attimi di tensione che quotidianamente si creavano in casa. Diversa invece la ricostruzione di un suo collega e della testimone di nozze dell'uomo, entrambi ascoltati dal giudice Angelo Mascolo, i quali hanno descritto Piasente come un buon marito e le discussioni in famiglia come semplici litigi di coppia senza che ci sia mai stata violenza. Il processo è stato aggiornato al prossimo 14 dicembre, giorno in cui verrà pronunciata la sentenza.