Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Cartello-esca a Bibione, si offre di mediare e si fa consegnare 5mila euro

CERCA DI VENDERE APPARTAMENTO AL MARE NON SUO, DENUNCIATO

Un 55enne vittoriese aveva raggirato coppia di anziani coniugi


BIBIONE - Facendo finta di essere un procacciatore d'affari intascava denaro dai suoi clienti, acconti che servivano ad agevolare la trattativa per vendere un appartamento a Bibione che era di proprietà di un ignaro imprenditore pordenonese. A finire nella trappola di un 55enne vittoriese, G.G., titolare peraltro di un'agenzia immobiliare, sono stati un ingegnere 69enne di Valdobbiadene e la moglie. L'esca utilizzata è stato un cartello sistemato dal truffatore sul parapetto di un appartamento con su scritto “vendesi” ed un recapito telefonico. L'anziana coppia, alla ricerca di un'abitazione in cui passare le vacanze estive, è caduta nel tranello dopo aver tentato invano di fare buoni affari nelle agenzie della zona. Il truffatore, non nuovo a simili raggiri, ha riferito di avere un mandato a vendere da parte del proprietario. Al primo incontro, fissata la vendita a 135mila euro, i coniugi staccano un primo assegno da 5mila euro. Quando marito e moglie già sognavano le vacanze, il sedicente procacciatore d'affari prende tempo, asserisce che il proprietario dell'abitazione non è d'accordo sul prezzo pattuito e chiede un nuovo incontro oltre ad ulteriori 10mila euro. L'ingegnere e la moglie, consigliati da un avvocato, decidono per denunciare tutto ai carabinieri: all'appuntamento per la nuova consegna di denaro, a Valdobbiadene, si presenta anche un militare in borghese che interviene per smascherare il finto procacciatore d'affari. Per lui potrebbe arrivare anche una multa di oltre 10mila euro per aver abusato della professione di procacciatore, non essendo iscritto all'apposito albo.