Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domenica l'elezione dei nuovi vertici della banca di Monastier

SFIDA ALLA MONSILE "IL CDA PROVA A BLINDARSI"

Si presentano i candidati indipendenti al consiglio di amministrazione


TREVISO - Domenica prossima, correranno anche loro per l'elezione del nuovo consiglio di amministrazione della Banca di Monastier e del Sile, una delle maggiori banche di credito cooperativo della Marca. Maria Angela Pasquini, consulente aziendale e revisore Emilio Mauro, Pierina Miglioranza ed Eugenio Torresan si sono candidati come indipendenti, contro la lista “istituzionale” proposta dal cda uscente. Una candidatura – spiegano – per riportare maggiore trasparenza nella gestione, coinvolgere di più la base sociale nelle scelte strategiche e ridare tranquillità ai soci, oggi choccati dalle polemiche degli ultimi mesi. “Ritroviamoci in banca” è lo slogan degli indipendenti: ll cda in carica contestano anche la volontà di blindare la propria rielezione e il nepotismo, per l'inserimento in lista di alcuni figli di ex consiglieri. Contano di raccogliere i voti di protesta: “Il malcontento è molto diffuso tra i 4.500 soci”, assicurano. Il gruppo accusa di non essere riuscito a presentare una lista alternativa a causa dei paletti posti dagli attuali vertici a cominciare dalla necessità di far vidimare le 120 firme necessarie solo dal presidente o dai vice.  Domenica dalle 9, nell'auditorium di Ca' Tron l'assise ed il responso delle urne.