Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo per lesioni e ingiurie un 70enne di Breda di Piave

COSTRINGE LA MOGLIE A FARE SESSO: POSIZIONE AGGRAVATA

La vittima confessa in aula, a processo in corso, di aver subito un abuso


BREDA DI PIAVE - (gp) Lesioni personali e ingiurie. Queste le accuse che hanno portato alla sbarra un 70enne di Breda di Piave che al culmine di un litigio furibondo avrebbe picchiato la moglie, di qualche anno più giovane, mandandola dritta in ospedale. Ma a queste si è andata ad aggiungere anche quella molto più pesante di violenza sessuale, che potrebbe costargli in caso di condanna una pena decisamente più severa. L'aggravamento della posizione dell'imputato si è consumata ieri mattina di fronte al giudice Marco Biagetti il quale ha rispedito gli atti al pm titolare delle indagini per aggiungere ai capi d'imputazione anche quello dell'abuso sessuale nei confronti della moglie. Ma andiamo con ordine. Stando a quanto contestato dalla procura, la lite che ha spinto la donna a denunciare il marito risale esattamente a quattro anni fa. Era il 4 maggio 2008 infatti quando i due, sposati da molti anni, iniziarono a litigare. Non è dato sapere il motivo del contendere ma di certo si sa che non era la prima volta e che ad avere la peggio è stata la donna. Stando alla denuncia il marito, dopo averla insultata più volte, non si limitò ad alzare la voce ma alzò anche le mani. Due i colpi più forti, sferrati con violenza al capo della moglie che cadde a terra inerme. Uno scatto d'ira che però non ha trovato giustificazioni tanto che lei, dopo essersi recata al pronto soccorso per essere medicata, con in mano il certificato medico che attestava ferite giudicate guaribili in qualche giorno ha deciso di raccontare tutto alle forze dell'ordine. Con precisione ha ricostruito gli attimi di follia del marito e ha sporto denuncia contro colui che da anni aveva a fianco. A processo però, oltre alla violenza di quel giorno, è emersa anche un altro episodio, ancora più grave: a dibattimento infatti si è venuto a sapere che in un'occasione quel marito-padrone aveva costretto la vittima ad avere un rapporto sessuale non consenziente, ovvero contro la sua volontà. Un racconto che ora costringerà l'imputato a difendersi anche dall'accusa di violenza sessuale.