Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il presidente Di Santo: "Falsità da parte di vigliacci, quereliamo"

LETTERE ANOMIME CONTRO IL CREDITO TREVIGIANO

Una "Associasion dei amighi dea banca" accusa il cda


VEDELAGO - Lettere anonime contro i vertici di Credito Trevigiano. Da alcuni giorni diversi residenti di Vedelago, Caerano, Montebelluna e altri comuni della zona, stanno ricevendo una missiva, con molte accuse al presidente della banca di credito cooperativo Nicola Di Santo e agli altri consiglieri di amministrazione dell'istituto. Una fantomatica "Associasion dei amighi dea banca de Vedeago e Caeran" imputa ai componenti del cda di aver ottenuto dalla banca prestiti a tassi agevolati per se stessi e per amici e familiari. Sotto accusa anche i gettoni di presenza ritenuti troppo munifici, ma viene paventata pure una mala gestione dell'istituto, con quelli che vengono definiti "prestiti marsi" aumentati di 14 volte in pochi anni. "I se magna i nostri schei e i manda  in maeora a banca" è il titolo del testo, scritto interamente in dialetto.

Accuse a cui il presidente Di Santo intende replicare per via legale: pronta una querela per diffamazione.