Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Buona la prestazione di Alberto Bonpan, Luciano Carniel e Michael Michielett

CAMPIONATI ITALIANI, L'OLIMPIA STRAPPA UN OTTIMO TERZO POSTO

In semifinale è fatale il ko con la Gatto Azzurro Reggio Emilia


ROMA - Nella semifinale dei campionati italiani a squadre di Roma l'Olimpia Treviso non sfigura ma deve cedere alla Gatto Azzurro Reggio Emilia dopo una partita avvincente ed equilibrata. I trevigiani tornano dalla capitale con un meritato terzo posto. La squadra emiliana era rappresentata dalla terna formata da Franco Brindani, Mario Cattani e Janes Tondelli; schierato nel singolo Antonio Lavanti. Per l'Olimpia immutate le formazioni dei giocatori in campo rispetto ai quarti: per la terna Alberto Bonpan, Luciano Carniel e Michael Michieletto; nel singolo Carmine D'alia. Primi accosti e bocciate promettenti. per i trevigiani in entrambe le corsie, con D'Alia a portarsi in breve sul 6 a 2 e la terna sul 4 a 1 e subito protagonista un epilogo di per se eloquente in fatto di determinazione: primo punto di Carniel e terna dei reggiani in affanno nel recupdero. Trevigiani quindi con 5 sfere in vantaggio: una prima bocciata di Bonpan a ripulire l'affollata copertura del pallino e due palle Olimpia al trave; una seconda bocciata a centrare il pallino e giocatore reggiano a spingere le bocce con i piedi e a concedere il primo set ai trevigiani per 8 a 1. Più o meno stesso epilogo nel singolo, con Carmine D'Alia a regolare l'avversario senza patemi per un perentorio 8 a 3 e momentaneo 2 a zero di vantaggio Olimpia. Tornata di ritorno con i maturi e temprati emiliani determinati a non mollare l'osso: primo set e subitaneo punto Olimpia in entrambe le corsie di gioco. Pronta la reazione sia dalla coriacea terna emiliana per il momentaneo 1 a 3, che nel singolo per il pareggio del 1 a 1 di D'Alia e Lavanti. Ancora punticino e vantaggio D'Alia ma altrettanto solerte riscossa e sorpasso dell'emiliano che si porta in vantaggio sul 2 a 3. Analogamente nella limitrofa corsia la terna del Gatto Azzurro si portava in vantaggio per 1 a 4 sui trevigiani. Immediato pareggio di D'alia, ma nel gioco successivo una sfortunata bocciata lo costringeva a perdere quattro punti e subire quindi un rapido deludente 3 a 7. Identica cattiva sorte per la terna trevigiana che in poco tempo era costretta a subure un eloquente 7 a 1. Momentaneo filino di speranza per il 3 a 7 e successiva amara sconfitta di d'Alia per 8 a 3 e parziale. Risultato globale di 2 a 1 per l'Olimpia. Dall'altra parte terna in recupero: due buoni accosti e 3 a 7, il gioco prosegue con gli emiliani a bruciare 5 boccie e, in un extremo accosto 'slalom', ad agguantare il punto vincente malgrado l'affollamento di bocce intorno al pallino. A nulla son valse le 5 bocce rimaste da giocare ai trevigiani. Finale 3 a 7 e si riparte sul 2 a 2 tra le società.

Seconda tornata con in campo nel doppio Carmine D'Alia e Michael Michieletto opposti agli emiliani Mario Cattani e Antonio Labanti. Nel singolo Alberto Bonpan per l'Olimpia e Marino Dionisi per il Gatto azzurro. Inizi con gioco in salita per l'Olimpia per zero a 3 e subito dopo zero 6 nel gioco di coppia e 1 a 2 e ancora vantaggio emiliano per 1 a 4 nel singolo. Parziele recupero, punticino Olimpia nel doppio ma subito dopo D'Alia e michieletto ammainavano bandiera per un eloquente 2 a 8. Un paio di buoni punti per Bonpan nel singolo, 3 a 4, ma nella gicata successiva una buona bocciata di Dionisi valeva il vantaggio all'emiliano per 3 a 7. Bonpan si riprende il momentaneo pallino di partenza della speranza e si porta sul 4 a 7, invano, il più esperto Gatto Azzurro si aggiudica la prima per 4 a 7. Nella corsia di fianco i ragazzi terribili del doppio trevigiano si portano sul 4 a zero, soffrono il 4 a 1 prima e subito dopo il 4 a 3 ma consoloidano poi il risultato sul 7 a 3, recupero degli emiliani, ancora un altro punticino ricuperato e vantaggio Olimpia ridotto sul 7 a 5. Giocata successiva con possibile debacle trevigiana ma la frtuna assiste D'Alia e Michieletto, il pallino esce e si rimane sul 7 a 5 per Treviso. Botta di buona sorte alla quale non mancano di rispondere adeguatamente e vittoria trevigiana per 8 a 5. Bonpan ricomincia il set di ritorno con il punto, tre palle in mano e la bocciata al pallino che potrebbe regalare un immediato 4 a zero, sbaglia pallino, perde il punto ma porta comunque a casa i suoi prini due punti, immediato pareggio ma il coriaceo portacolori dell'Olimpia non molla e si porta sul vantaggio per 5 a 2, altro punticino e 6 a due per l'Olimpia. Finale al cardiopalma: bocciata a recuperare il punto e accosto in apnea millimetrico quanto basta a sfiorare la boccia avversaria. Ma quel che conta è il pareggio di squadra, il che vuol dire che per la qualifica alla finale si va alla roulette dei pallini. Primi tre pallini: due presi da Reggio Emila uno da Treviso. Secondi tre: uno per gli emiliani e uno per Treviso totale 2 a 3 per i Gatti Azzurri. Nell'ultima tornata un solo pallino per Reggio Emila e due per l'olimpia, ancora pareggio. Tocca ai pallini ad oltranza, il primo a sbagliare è fuori. Purtroppo a sbagliare è l'Olimpia.