Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Strutturazione e alleanze, le strategie per un fatturato in crescita

L'AGROINDUSTRIA NON SENTE LA CRISI

L'intervento del presidente Unindustria Treviso, Alessandro Vardanega e del ricercatore Fondazione Nord Est Gianluca Toschi


TREVISO - L'agroindustria si conferma settore capace di fronteggiare la crisi. Se ne è parlato oggi nella sede di Confindustria Treviso, in occasione della presentazione dei risultati dell'indagine “Le imprese agroindustriali in movimento fra upgrading e alleanze” promossa da FriulAdria e realizzata dalla Fondazione Nord Est.

Strutturazione e aggregazione, queste le strategie che permettono alle aziende del comparto di registrare un fatturato in crescita e mantenere stabile l'occupazione. La ricerca, che ha esaminato il profilo organizzativo delle aziende agroindustriali del Nord Est e i loro mutamenti nel tempo, ha evidenziato come i risultati migliori in termini di fatturato vengano conseguiti da imprese con un grado di strutturazione interna medio alto (il 50% delle aziende ha visto aumentare il fatturato, contro una media del 42,4% e un dato del 36,7% di quelle non strutturate).

Nella struttura interna delle imprese agroalimentari, i fattori più presenti sono la “distribuzione e logistica”, i “servizi informativi”, il “marketing e pubblicità” e la “certificazione e qualità”. Le imprese più strutturate spiccano positivamente anche per i dati sull'aumento occupazionale (20,4% rispetto a una media del 16,7% e a un +5,1% delle non strutturate). Altro tema è quello della dimensione dell'azienda: il 51% degli imprenditori si dichiarano propensi ad alleanze – consorzi o joint venture – per poter meglio competere nel mercato e accedere più facilmente al credito.

Il settore dell'agroindustria nel Nord Est, anche in questo momento di congiuntura negativa, conferma il suo trand positivo, come conferma Alessandro Vardanega, presidente di Unindustria Treviso.

Presenta i risultati dell'indagine “Le imprese agroindustriali in movimento fra upgrading e alleanze” Gianluca Toschi, ricercatore della Fondazione NordEst.