Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, venti gli anarchici della provincia: alcuni colpirono anche in Val di Susa

TERRORISMO ANARCHICO, NEL MIRINO QUATTRO AZIENDE

Ipotesi di scorta per politici, dirigenti e tecnici, sale la tensione


TREVISO - Sorveglianza speciale per quattro aziende trevigiane legate al settore della ricerca e della produzione di componenti per reattori nucleari, misure di tutela tra cui la possibilità di fornire una scorta per politici, dirigenti, figure professionali e tecniche ed almeno una ventina di giovani anarchici che saranno tenuti sotto stretta osservazione. Sono solo alcuni dei provvedimenti (alcuni già attivi, è il caso delle sorveglianza alle aziende, altri ancora al vaglio) che il Questore di Treviso Carmine Damiano ha messo nero su bianco con un'apposita ordinanza alla luce del vertice che si è tenuto in Prefettura sui possibili obiettivi degli anarchici nella Marca. La mobilitazione a livello nazionale è dovuta all'attentato, rivendicato dal Fai (la federazione anarchica informale), in cui è rimasto ferito il dirigente di Ansaldo Nucleare, Roberto Adinolfi ma anche per le numerose manifestazioni spontanee contro le sedi di Equitalia. Il ministro degli Interni Cancellieri, nel corso di un vertice che si è svolto al Viminale, ha predisposto controlli in ben 14mila obiettivi a rischio. Non si esclude anche l'utilizzo dell'esercito. Tornando alla Marca, dove l'eventualità dell'impiego dei militari è ancora incerta, la Questura ha per ora “blindato” le sedi Equitalia di Treviso, Conegliano e Castelfranco oltre a quattro aziende che non sono direttamente legate ne' a Finmeccanica, ne' ad Ansaldo, ma fanno parte del comparto riguardante l'energia nucleare. In queste ore si vaglia la possibilità di poter dare la scorta ad almeno trenta persone, tutti possibili obiettivi di attentati anarchici. Secondo la Questura sono circa una ventina le “cellule anarchiche” in provincia di Treviso: sono giovani, localizzati perlopiù in sinistra Piave tra Vittorio Veneto e Conegliano ed alcuni di questi avrebbero partecipato ai recenti disordini in Val di Susa, appoggiando i No Tav.