Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Resana, artigiano 40enne con il vizio del gioco denunciato dai carabinieri

LA TRUFFA: "MI SERVE DENARO PER CORROMPERE I CARABINIERI"

Caldaista raggira due donne: "Se non pago mi ritirano la patente"


RESANA - Per pagare i sempre più numerosi debiti di gioco accumulati alle slot machine cercava di ottenere denaro tentando di impietosire le sue clienti che chiamava disperato dicendo che servivano soldi per corrompere i carabinieri altrimenti gli sarebbe stata tolta la patente. La voce in paese però si era ormai diffusa e per i militari è stato semplice identificare e denunciare il truffatore, un idraulico-caldaista 40enne di Resana. L'uomo, con una famiglia da mantenere e con alcuni piccoli precedenti a carico, dovrà rispondere di truffa, diffamazione aggravata contro la pubblica amministrazione e guida con la patente revocata. Infatti l'operaio non aveva più la licenza di guida dal marzo del 2011 ma nonostante tutto si spostava in auto per lavoro. Finora sono solamente due le donne che hanno denunciato di essere finite in questo tranello, una 46enne ed una 54enne ma probabilmente ne seguiranno altre. L'artigiano riusciva, ricostruiranno le indagini dei carabinieri, ad ottenere la fiducia dai clienti cercando di creare un rapporto di amicizia. Così facendo riusciva ad ottenere denaro con telefonate disperate alle sue vittime a cui lui chiedeva denaro per poter pagare delle “mazzette” ai carabinieri che volevano togliergli la patente.