Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Progetto per un secondo forno: costo 1,5 milioni di euro

TROPPI MORTI IL CREMATORIO DI SANTA BONA RADDOPPIA

La struttura brucia otto salme al giorno, ma la richiesta aumenta


TREVISO - Il forno crematorio di Treviso potrebbe presto raddoppiare. Il Comune, infatti, sta studiando la possibilità di dotare il “Supremum vale” di un secondo forno, ampliando la struttura esistente a Santa Bona: una società specializzata è già stata incaricata di redigere il progetto ed una prima bozza dovrebbe essere pronta entro il prossimo 10 giugno. Il costo della realizzazione si aggira tra un milione e 300mila euro e un milione e mezzo. La pratica di incenerire le spoglie mortali si va sempre più diffondendo, anche a causa della penuria di spazio nei cimiteri: nel crematorio di Treviso arrivano salme da tutta la provincia, essendo l'unico in funzione nella Marca, e l'impianto attualmente lavora a pieno ritmo, al massimo delle possibilità tecniche con otto cremazioni effettuate al giorno.