Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra il 24enne Roberto Durdevic e la moglie 21enne Giada Ciarelli

RAGGIRATO SU FACEBOOK: COPPIA PATTEGGIA 18 MESI DI CARCERE

erano accusati di tentata estorsione e di circonvenzione d'incapace


TREVISO – (gp) Un anno e sei mesi di reclusione a testa per circonvenzione d'incapace e tentata estorsione. Questa la pena patteggiata di fronte al gup Silvio Maras da Roberto Durdevic, 24 anni, e dalla moglie 21enne Giada Ciarelli. I due erano finiti alla sbarra per aver raggirato un 38enne trevigiano conosciuto su facebook. La vittima, che soffre di un lieve disturbo mentale, era caduta nella trappola credendo di aver dato avvio a una relazione virtuale con la ragazza. Alla richiesta di lei di un posto dove andare a dormire, visto che gli aveva detto di aver perso la casa, l'uomo si rese disponibile ad accoglierla. La donna si presentò dunque nell'abitazione della vittima, ma non era sola. Con lei c'era infatti un bambino di pochi mesi e un uomo, che aveva spacciato per suo fratello. In realtà si trattava del marito e nel giro di qualche giorno la casa del malcapitato diventò la dimora di altri parenti de due imputati: in tutto cinque persone che avevano finito per stabilirsi nell'abitazione. Ma non è tutto: per l'accusa Durdevic iniziò a chiedere denaro al 38enne sostenendo che avesse avuto una relazione sessuale con la 21enne e che da quegli incontri fosse nato un bambino. Di conseguenza era in dovere di mantenerlo. Stremato dalle richieste continue di denaro e ospitalità, il 38enne si rivolse alla polizia municipale di Preganziol che portò alla luce il raggiro.