Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Oltre 1.200 pasti al giorno e cibo "islamico" per gli immigrati

GLI ALPINI TREVIGIANI FANNO DA MANGIARE AI TERREMOTATI

La cucina del campo di Finale gestita dalla Protezione civile dell'Ana


FINALE EMILIA - Gli Alpini trevigiani danno da mangiare ai terremotati dell'Emilia. La cucina del campo di Finale Emilia, una delle più grandi tendopoli dove sono ospitati gli sfollati, infatti, è gestita dalla Protezione civile della sezione di Treviso dell'Associazione nazionale alpini. Una squadra di otto persone: allertati in mattinata, sono arrivati sul posto già domenica sera. Con la loro cucina mobile servono circa 1.250 pasti al giorno. Con una difficoltà in più: l'80% degli ospiti del campo sono di origine magrebine e religione mussulmana e, dunque, occorre attenersi alle prescrizioni in materia di cibo imposte dalle norme islamiche. Ci racconta la situazione il responsabile della Protezione civile dell'Ana di Treviso, Bruno Crosato.