Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il trevigiano ha ricevuto la visita di Simonetta Rubinato

SENZA LAVORO E SENZA PENSIONE DA 5 GIORNI SCIOPERO DELLA FAME

Fabio Marzola, 57enne, protesta per gli esodati


TREVISO - Da giovedì non tocca cibo e solo da sabato ha ripreso a bere, dopo le insistenze del medico. Fabio Marzola, 57 anni, di Treviso ha inziato uno sciopero della fame per portare l'attenzione sul problema degli esodati. Ovvero quei lavoratori che hanno accettato di entrare in cassa integrazione o in mobilità convinti di poter raggiungere la pensione. Il cambiamento delle norme e dell'età sulla previdenza varate dal governo Monti li ha però lasciati in un limbo. Marzola, dirigente d'azienda, si era dimesso nel 2010 avendo calcolato di maturare in due anni i requisiti per la quiescenza. L'ultima stangata gli è arrivata la settimana scorsa: il ministro del Lavoro Elsa Fornero ha comunicato che nelle misure a tutela degli esodati rientreranno solo coloro che hanno versato almeno un contributo volontario. Cosa che Marzola non ha mai fatto. Per questo ha iniziato il suo sciopero. Sabato il trevigiano ha ricevuto anche la visita di Simonetta Rubinato, deputata del Pd. Secondo la parlamentare il decreto Fornero su questo aspetto è illegittimo perchè, di fatto, introduce in corso requisiti non previsti in origine.