Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Eseguiti tutti gli interventi possibili sulla 12enne morta d'infarto a Vittorio Veneto

ELISA MORET NON POTEVA ESSERE SALVATA: SPENTE LE POLEMICHE

L'ambulanza è arrivata in 12 minuti: nessun ritardo nei soccorsi


VITTORIO VENETO – (gp) La morte di Elisa Moret, la bambina di 12 anni stroncata da un infarto sabato pomeriggio mentre si trovava alla festa di compleanno di un'amichetta nella frazione di San Lorenzo a Vittorio Veneto, non poteva essere evitata. Un malore improvviso, fulminante, inaspettato e alla ricerca di un responsabile, ma che allo stesso tempo in un attimo ha fatto cadere le polemiche sul ritardo dei soccorsi e l'assenza di un medico all'interno dell'ambulanza. Erano stati in primis i genitori della piccola a sollevare i sanitari da ogni responsabilità, e ora, a distanza di tre giorni dalla tragedia, anche la Procura di Treviso. Del caso è stato informato il magistrato di turno, il sostituto procuratore Iuri De Biasi, il quale, in assenza di denuncia da parte del padre e della madre della piccola Elisa, al momento non ha ravvisato nessuna negligenza da parte dei soccorsi e nessun ritardo. L'ambulanza partita dall'ospedale di Vittorio Veneto è arrivata sul posto in 12 minuti ma, nonostante il massaggio cardiaco praticato dalla madre della festeggiata e il successivo intervento con il defibrillatore dei sanitari del Suem 118, il cuore della piccola non ha più ripreso a battere. Il fatto che l'eliambulanza decollata dall'ospedale di Padova, poiché quella di stanza a Treviso era bloccata da un'avaria, sia arrivata qualche minuto dopo non avrebbe cambiato la situazione, così come se fosse stato presente un medico a bordo dell'ambulanza. Tutti gli interventi possibili insomma sono stati effettuati, e con tempestività.  




Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
27/05/2012 - Stroncata da un infarto
muore bambina di 12 anni