Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Eseguiti tutti gli interventi possibili sulla 12enne morta d'infarto a Vittorio Veneto

ELISA MORET NON POTEVA ESSERE SALVATA: SPENTE LE POLEMICHE

L'ambulanza è arrivata in 12 minuti: nessun ritardo nei soccorsi


VITTORIO VENETO – (gp) La morte di Elisa Moret, la bambina di 12 anni stroncata da un infarto sabato pomeriggio mentre si trovava alla festa di compleanno di un'amichetta nella frazione di San Lorenzo a Vittorio Veneto, non poteva essere evitata. Un malore improvviso, fulminante, inaspettato e alla ricerca di un responsabile, ma che allo stesso tempo in un attimo ha fatto cadere le polemiche sul ritardo dei soccorsi e l'assenza di un medico all'interno dell'ambulanza. Erano stati in primis i genitori della piccola a sollevare i sanitari da ogni responsabilità, e ora, a distanza di tre giorni dalla tragedia, anche la Procura di Treviso. Del caso è stato informato il magistrato di turno, il sostituto procuratore Iuri De Biasi, il quale, in assenza di denuncia da parte del padre e della madre della piccola Elisa, al momento non ha ravvisato nessuna negligenza da parte dei soccorsi e nessun ritardo. L'ambulanza partita dall'ospedale di Vittorio Veneto è arrivata sul posto in 12 minuti ma, nonostante il massaggio cardiaco praticato dalla madre della festeggiata e il successivo intervento con il defibrillatore dei sanitari del Suem 118, il cuore della piccola non ha più ripreso a battere. Il fatto che l'eliambulanza decollata dall'ospedale di Padova, poiché quella di stanza a Treviso era bloccata da un'avaria, sia arrivata qualche minuto dopo non avrebbe cambiato la situazione, così come se fosse stato presente un medico a bordo dell'ambulanza. Tutti gli interventi possibili insomma sono stati effettuati, e con tempestività.  




Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
27/05/2012 - Stroncata da un infarto
muore bambina di 12 anni