Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Piazza: "Impossibile rispondere alle richieste dei cittadini"

NIENTE TRICOLORI PER IL 2 GIUGNO CONTRO IMU E PATTO DI STABILITÀ

La protesta del sindaco di Silea contro l'imposizione statale


SILEA - Tricolore ammainato dal pennone del municipio e invito respinto per la tradizionale festa organizzata dalla Prefettura per il prossimo 2 giugno. E' la protesta messa in atto da Silvano Piazza, sindaco di Silea, appena rieletto per il secondo mandato, alla testa di un'amministrazione di area centrosinistra: alla base della provocatoria presa di posizione, quello che lo stesso cittadino definisce “un vero e proprio latrocinio” perpetrato dallo Stato ai danni degli enti locali. Su tutte, le minori risorse stornate al Comune tramite l'Imu e i vincoli imposti dal patto di stabilità. Elementi, come ha spiegato il sindaco, in una lettera indirizzata al prefetto di Treviso Aldo Adinolfi, che impediscono ormai di rispondere alle basilari richieste dei cittadini. «Silea è tra i Comuni più virtuosi d'Italia – scrive Piazza al rappresentante del Governo -, ma lo Stato cosa fa? Si prende tutti i nostri soldi per sostenere chi spreca. Questa la Repubblica che dovrei festeggiare con lei? Quale discorsetto di retorico amor patrio dovrei ascoltare?». Dunque, le bandiere italiane non compariranno né sugli edifici, né lungo le strade del comune della cintura trevigiana. Piazza inoltre ha fatto appello ai colleghi sindaci per incontrarsi e stabilire una linea d'azione comune.

Per il momento, però, l'iniziativa del sindaco di Silea non raccoglie il consenso di Simonetta Rubinato, alla guida del Comune di Roncade: "E’ sbagliato copiare la Lega che lancia slogan contro lo Stato e la bandiera nazionale, dopo aver governato dieci anni senza aver portato a casa nulla di concreto per i nostri Comuni - rimarca Rubinato -. In un momento di così grande emergenza sul piano economico e di forti tensioni sociali, dobbiamo avere a cuore i simboli della nostra convivenza civile per non rischiare di buttare altra benzina sul fuoco”.