Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il giovane disoccupato di Villorba è accusato di favoreggiamento della prostituzione

SERVIZIO TAXI PER UNA LUCCIOLA: 23ENNE RINVIATO A GIUDIZIO

Per 20 euro alla settimana accompagnava sulla strada un'ungherese


TREVISO – (gp) Secondo l'accusa accompagnava sulla strada una lucciola ungherese di 22 anni. Con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione, è stato rinviato a giudizio Mattia Pavan, 23enne disoccupato residente a Villorba, arrestato nel giugno dello scorso anno dai carabinieri di Treviso mentre a bordo dell'auto intestata al fratello stava portando la prostituta in zona industriale a Villorba, come avrebbe fatto di frequente, secondo gli inquirenti, almeno dall'aprile precedente. Un servizio che gli fruttava 20 euro alla settimana come ha ammesso lo stesso ragazzo e anche la lucciola, sentita dai militari. Il 23enne in sede di interrogatorio si era giustificato dicendo di essere senza lavoro e che in qualche maniera doveva pur guadagnare qualcosa. Allora, conoscendo la lucciola ungherese, si era offerto, dietro un piccolo compenso, di andarla a prendere in centro a Treviso e di accompagnarla sul luogo in cui si prostituiva e poi, a turno terminato, la andava a riprendere per riportarla in centro. Ora dovrà presentarsi di fronte al giudice il prossimo 5 dicembre.