Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il giovane disoccupato di Villorba è accusato di favoreggiamento della prostituzione

SERVIZIO TAXI PER UNA LUCCIOLA: 23ENNE RINVIATO A GIUDIZIO

Per 20 euro alla settimana accompagnava sulla strada un'ungherese


TREVISO – (gp) Secondo l'accusa accompagnava sulla strada una lucciola ungherese di 22 anni. Con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione, è stato rinviato a giudizio Mattia Pavan, 23enne disoccupato residente a Villorba, arrestato nel giugno dello scorso anno dai carabinieri di Treviso mentre a bordo dell'auto intestata al fratello stava portando la prostituta in zona industriale a Villorba, come avrebbe fatto di frequente, secondo gli inquirenti, almeno dall'aprile precedente. Un servizio che gli fruttava 20 euro alla settimana come ha ammesso lo stesso ragazzo e anche la lucciola, sentita dai militari. Il 23enne in sede di interrogatorio si era giustificato dicendo di essere senza lavoro e che in qualche maniera doveva pur guadagnare qualcosa. Allora, conoscendo la lucciola ungherese, si era offerto, dietro un piccolo compenso, di andarla a prendere in centro a Treviso e di accompagnarla sul luogo in cui si prostituiva e poi, a turno terminato, la andava a riprendere per riportarla in centro. Ora dovrà presentarsi di fronte al giudice il prossimo 5 dicembre.