Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Antonio Plataroti, risarcito il danno, ha raggiunto l'accordo con la magistratura

IMPIEGATO INFEDELE IN COMUNE: QUATTORDICI MESI PER PECULATO

Per l'accusa s'intascava il denaro dei certificati, in tutto 1.860 euro


TREVISO – (gp) si è chiusa con un patteggiamento a un anno, due mesi e undici giorni di reclusione la vicenda giudiziaria di Antonio Plataroti, 50enne impegato del comune, difeso dall'avvocato Franco Codogno, finito sotto inchiesta per peculato.

L'uomo, stando alla ricostruzione della procura di Treviso, si sarebbe intascato 1860 euro derivanti dai pagamenti dei cittadini per ricevere dei certificati. Denaro che è stato versato completamente nelle casse di Ca' Sugana la quale, ritenendosi danneggiata per un importo di gran lunga superiore, aveva deciso di costituirsi parte civile a processo chiedendo 20 mila euro di risarcimento.

Il gup Elena Rossi ha però dichiarato inammissibile la costituzione di parte civile per un vizio procedurale, circostanza che non preclude al Comune di Treviso di intentare una causa civile contro l'impiegato, ancora in servizio anche se spostato in un altro ufficio.

Le indagini, iniziate al termine della scorsa estate, erano scaturite dalla segnalazione di uno dei responsabili della struttura che aveva segnalato alcune anomalie nel sistema di registrazione dei certificati. Si trattava di semplici “annullamenti”, limitati ma continui. Plataroti era accusato di aver fatto sparire il denaro di questi certificati che rilasciava allo sportello dell’ufficio di piazza Rinaldi.

Inizialmente era stata accertata una cifra inferiore ai 1000 euro, somma però riferita soltanto al biennio 2010-2011. Controllando le operazioni degli anni precedenti venne a galla che la condotta dell'impiegato era iniziata sette anni prima.