Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Prima udienza a carico della 51ennee di Altivole arrestata lo scorso febbraio

SFIGURA IL MARITO CON L'ACIDO: MANUELA MAZZOCATO UN AULA

La donna attende trasferimento in una casa di cura per malati di gioco


ALTIVOLE – (gp) Dopo quasi quattro mesi di detenzione nel carcere Baldenich di Belluno, la 51enne di Altivole Manuela Mazzocato potrebbe uscire di galera ed essere affidata alle cure di una struttura specializzata a Teolo per recuperare i malati di gioco d'azzardo.

Questa almeno la richiesta, con tanto di parere favorevole del pm Iuri de Biasi, presentata dall'avvocato Ivana Taschin al termine della prima udienza del processo a carico della sua assistita finita di fronte al giudice per rispondere dei reati di tentata estorsione, stalking, maltrattamenti in famiglia, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

La corte si è riservata la decisione ma tutto fa presupporre che la donna, già nei prossimi giorni, possa essere scarcerata e trasferita nella casa di cura. Manuela Mazzocato è accusata di aver aggredito il compagno gettandogli contro una pentola di acqua bollente mischiata a idraulico liquido. Un gesto che gli ha procurato ustioni al volto giudicate guaribili in 30 giorni di prognosi e che lo costringeranno a sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica. Circostanza raccontata in aula dalla stessa vittima, chiamata a testimoniare dall'accusa assieme all'assistente sociale che ha seguito i coniugi negli ultimi mesi.

Al momento agli atti c'è la versione del compagno che ha sporto denuncia contro la donna, a malincuore, proprio per offrirle un aiuto. Secondo gli inquirenti infatti per mesi Manuela Mazzocato avrebbe perseguitato il convivente con l'unico obiettivo di ottenere denaro da sperperare in gratta e vinci e videopoker. Una vera e proprio escalation che ha avuto punte di vera crudeltà soprattutto negli ultimi mesi di convivenza. Lo scorso 17 novembre la 51enne mandò in frantumi tutti i vetri del trattore del compagno, il 26 dicembre l'uomo venne aggredito a calci e pugni procurandosi lesioni al volto mentre il giorno seguente la donna lo ha minacciato con un coltello: l'obiettivo era ottenere 20mila euro per abbandonare la casa familiare non avendo un lavoro e un posto dove andare.

Ma l'impressione è che quel denaro servisse per il suo vizio legato al gioco. I continui no da parte dell'agricoltore non hanno fatto altro che rendere più feroci i tentativi della donna di ottenere soldi. Il 31 dicembre l'uomo venne ricoverato all'ospedale di Castelfranco per un forte malore: la convivente gli aveva somministrato un caffè con un potente psicofarmaco.

A nulla è servito il tentativo dell'uomo di allontanarsi per calmare la 51enne: ritornato a casa dopo un breve periodo trascorso in un “Bed and Breakfast”, Manuela Mazzoccato lo aveva aggredito gettandogli contro una pentola di acqua bollente mescolata ad idraulico liquido. Era il 13 febbraio scorso.

Ora, in attesa della decisione del giudice, la donna tornerà in tribunale il prossimo 6 luglio.