Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 63enne di San Fior, difeso dall'avvocato Luigi Maschio, ha patteggiato la pena

"PROTEGGEVA" I TRANS: DUE ANNI E QUATTRO MESI A ROBERTO CELOTTO

Era accusato di induzione alla prostituzione, lesioni e tentata estorsione


SAN FIOR – (gp) Due anni e quattro mesi di reclusione. Questa l'entità del patteggiamento che ha permesso di chiudere i conti con la giustizia a Roberto Celotto, pensionato 63enne di San Fior finito alla sbarra per le accuse di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, lesioni personali e tentata estorsione.

Dopo essere stato spedito a processo con giudizio immediato, l'uomo, difeso dall'avvocato Luigi Maschio, ha scelto il rito alternativo per ottenere lo sconto di pena. Stando alle contestazioni della Procura di Treviso il 63enne si era imposto come protettore nei confronti di sei transessuali, che accompagnava lungo la Pontebbana dietro un compenso di dieci euro a viaggio a testa.

A mettere le forze dell'ordine sulle tracce dell'uomo è stato lo scorso dicembre proprio un transessuale: dicendo di essere caduto in casa si era presentato all'ospedale di Montebelluna con una profonda ferita alla testa. Furono i medici a non credere alla versione dell'uomo e a chiamare i carabinieri i quali, interrogando il trans, scoprirono che quella ferita gliel'aveva procurata Celotto picchiandolo con una catena.

Da quel momento i militari diedero il via alle indagini scoprendo che altri transessuali erano finiti sotto la “protezione” del 63enne. Sei, appunto, in tutto i viados che erano diventati schiavi dell'uomo. Tutti avrebbero dovuto, oltre a cedere parte dei loro profitti, sottostare alle sua voglie perverse: rapporti sessuali in cui il 63enne li avrebbe anche malmenati.

Per chi si ribellava e rifiutava la protezione dell'uomo sarebbe scattato il pestaggio, solitamente con una catena.