Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al via il processo a carico di un 38enne di Zero Branco, alla sbarra anche per calunnia

TRASCINA IN TRIBUNALE UN CLIENTE E LO ACCUSA DI TENTATA ESTORSIONE

La presunta vittima è un commercialista 39enne di Paese


ZERO BRANCO – (gp) Trascina il suo cliente in tribunale accusandolo di tentata estorsione, minacce e calunnia e si costituisce parte civile chiedendo un risarcimento danni di 20 mila euro. Protagonisti della vicenda un commercialista 39enne di Paese, ovvero la presunta vittima, e 38enne veneziano residente a Zero Branco. Stando a quanto riportato nel capo d'imputazione N.R., ovvero l'imputato, si era lamentato con il proprio ormai ex commercialista perchè non gli avrebbe restituito dei documenti fiscali legati alla sua attività, cosa che il professionista sostiene di aver già fatto in precedenza. La vicenda risale al 2010 e, stando a quanto sostiene la difesa dell'imputato, il problema è nato quando il professionista ha trasferito lo studio smarrendo quei famosi documenti. A favore di questa ipotesi il fatto che il tribunale civile abbia accolto un provvedimento d'urgenza promosso dall'imputato ordinando al commercialista di restituire la documentazione. Nel frattempo però il professionista pretendeva il pagamento del suo servizio ottenendo un decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo. In più, in seguito, è scattata anche la denuncia a livello penale. Secondo la procura di Treviso l'imputato avrebbe minacciato il commercialista dicendo che se gli avesse tenuto a titolo gratuito quei documenti non lo avrebbe denunciato, e poi, sapendolo innocente, lo avrebbe comunque querelato per appropriazione di documentazione contabile. Il procedimento penale è stato rinviato al prossimo 23 gennaio.