Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Conferito a Carmelo Biz l'incarico per la tripla perizia sull'incidente dell'Appiani

SPARA AL COLLEGA: 80 GIORNI PER CHIARIRE COSA SIA ACCADUTO

Funzionamento dell'arma, dinamica ed esame balistico i quesiti chiave


TREVISO – (gp) Carmelo Biz, agente della Digos di Treviso, avrà 80 giorni di tempo per effettuare una perizia tecnica sull'arma, una balistica sullo sparo e una ricognitiva sulla dinamica dell'incidente in merito al caso del finanziere colpito a una gamba da un proiettile partito per sbaglio dalla mitraglietta di un collega lo scorso 4 maggio all'interno del parcheggio interrato dell'Appiani.

L'incarico è stato conferito dal gip Umberto Donà che ha fissato la data per la discussione dei risultati il prossimo 5 ottobre. Al momento sono due le inchieste aperte: una del tribunale ordinario di Treviso con l'ipotesi di reato di lesioni colpose, l'altra del tribunale militare di Padova. Di certo c'è che lo sparo partito dalla Beretta M12 S di un finanziere 40enne poteva avere conseguenze ben peggiori: l'angolatura del colpo dall'alto verso il basso e la zona colpita hanno graziato la vittima, un collega di 38 anni. Il proiettile si è infatti conficcato da destra verso sinistra all'altezza del gluteo sfiorando l'arteria femorale. Ovviamente si è trattato di un incidente, e se ci sia stata o meno negligenza da parte del finanziere lo stabiliranno le indagini.

Un altro punto certo è che la pistola non aveva la sicura e fortunatamente era impostata in modalità “sparo singolo”. Se fosse stata in modalità automatica sarebbe partita una raffica di colpi che avrebbe potuto uccidere il collega.

Tutto sommato è dunque andata bene alla vittima che qualche ora dopo l'incidente aveva già ricevuto la visita in ospedale del collega il quale, ancora sotto choc per l'accaduto, gli aveva presentato le proprie scuse ricevendo un abbraccio fraterno dal compagno.