Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittima una 23enne di Nervesa, condannato a otto mesi di reclusione il padre

RIFIUTA IL MATRIMONIO COMBINATO: DROGATA E TRASCINATA IN MAROCCO

Rahale Rifqi, 43 anni, era accusato di sequestro di persona


NERVESA DELLA BATTAGLIA – (gp) Voleva vivere all'occidentale, abbandonare il velo, iniziare a lavorare e a uscire con le amiche come tutte le ragazze della sua età. In più si era opposta con tutte le forze al matrimonio combinato, con un uomo di quasi cinquant'anni più vecchio, che la famiglia le voleva imporre. Per questo suo desiderio di indipendenza una ragazza marocchina, oggi 23enne, è finita in un incubo: è stata narcotizzata, carica in auto, riportata in Marocco e lasciata nuda in mezzo a una strada. Il fatto risale alla notte tra il 29 e il 30 settembre 2006: la giovane aveva allora 17 anni e, quel che è peggio, ad impartirle la lezione sono stati la sorella e il marito di lei, con cui la giovanissima abitava a Nervesa, in concorso con il padre. La 17enne si rifiutava di acconsentire alle nozze combinate con il fratello del cognato. A salvarla, alla fine, era stata la madre che impietositasi, ha fatto in modo che la giovane potesse chiamare un'amica e ritornare in Italia. E a portare alla luce la vicenda era invece stato il datore di lavoro della ragazza il quale, non vedendola in ditta, si era preoccupato e aveva avvertito i carabinieri. Sorella e cognato sono già stati condannati nel 2008 per sequestro di persona e ora, a distanza di quasi sei anni dai fatti, è stato condannato a otto mesi di reclusione anche il padre, il 63enne Rahale Rifqi, reo di non aver fatto nulla per aver impedito il rapimento.