Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo per violenza sessuale, violenza privata e lesioni due cittadini kosovari

ABUSI ALL'AMAMI, IN AULA LA TESTIMONIANZA DELLA VITTIMA

Per la 28enne gli aggressori sono proprio Spetim Zemaj e Imer Berisha


TREVISO – (gp) Una rissa all'Amami, finita con il rinvio a giudizio di due kosovari con l'accusa a vario titolo di violenza sessuale, violenza privata e lesioni, si è arricchita della testimonianza in aula delle vittima dei presunti abusi. La ragazza, una romena di 28 anni, ha confermato le accuse sostenendo che i suoi due aggressori, prima in pista e poi nei bagni del locale, erano proprio i due imputati, ovvero Spetim Zemaj, 30 anni, e Imer Berisha, 36 anni. Secondo l'accusa i due, la sera del 29 novembre del 2010, all'interno del locale in zona Fonderia, l'avrebbero molestato: prima delle avances un po' troppo pesanti e poi, approfittando della calca nella pista da ballo, avrebbero iniziato a toccarla infilando pure le mani sotto la gonna. Di fronte a una prima reazione della ragazza, i due kosovari non avrebbero mollato la presa tanto da costringerla a chiedere l'intervento del fidanzato. Questi, di diversi anni più grande di lei, si è così avvicinato ai kosovari chiedendo spiegazioni e invitandoli a lasciare in pace la sua ragazza. Per tutta risposta sarebbe stato prima insultato e poi colpito con un pugno in pieno volto. Dopo l'aggressione i due se la diedero a gambe prima che arrivasse la polizia, intervenuta su richiesta dei gestori del locale. Immediata scattò la denuncia della giovane molestata e le indagini successive avevano portato all'identificazione dei presunti colpevoli. Per la procura, oltre che per la parte offesa, si tratta dei reali aggressori. Ma il legale degli imputati, l'avvocato Paolo Bottoli, sostiene che si sia trattato di uno scambio di persona. Il procedimento penale è stato rinviato al prossimo 15 gennaio.