Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nabil Naysi e Mohssine Mouslih respingono le accuse e scelgono il dibattimento

RAPINA AL CHIOSCO "AL DOMO" DI VIA ROMA: IN DUE A PROCESSO

I due magrebini sono accusati di rapina impropria e danneggiamenti


TREVISO – (gp) Sono accusati di rapina impropria, danneggiamento e lesioni nei confronti del titolare del chiosco “Al Domo” di via Roma, un bengalese di 36 anni, ma respingono le contestazioni della Procura proclamandosi innocenti, tanto da essere convinti di poter dimostrare la loro estraneità alla vicenda a dibattimento. Processati per direttissima, il 22enne Nabil Naysi e il 25enne Mohssine Mouslih, entrambi marocchini, si sono rifiutati di patteggiare la pena (che equivale a un'ammissione di colpa) e non hanno scelto il rito abbreviato che avrebbe consentito loro lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna. Ora torneranno di fronte al collegio dei giudici del tribunale di Treviso il prossimo 10 luglio. Secondo l'accusa però i due si sarebbero resi responsabili di una vera e propria aggressione ai danni del bengalese. A scatenare la loro furia, stando alla denuncia, sarebbe stato proprio il titolare del chiosco che aveva messo entrambi alla porta per un motivo condivisibile: ogni volta che i magrebini si recavano lì a mangiare non avrebbero mai pagato il conto. I due stranieri avrebbero così reagito gettando immondizie e bottiglie vuote all'interno del negozio, buttando a terra i panini e immobilizzando il ristoratore.